Home - ProTrevi Appuntamenti Ricettività11 E-mail ProTrevi

Chiesa di Sant'Emiliano  Inglese.gif (311 byte)      

Dopo quattro anni di inagibilità per i danni del terremoto, è stata riaperta al culto nel dicembre del 2001

Sorge al sommo del colle di Trevi e con la sua mole e l'elegante campanile completa e caratterizza il profilo dell’abitato.

È intitolata al primo vescovo di Trevi, patrono della città e del comune, che subì il martirio nell'anno 304.
La Passio, di cui rimangono due codici, del 9° e 12° secolo, narra la storia del santo. Di origine armena, fu inviato a reggere la Chiesa locale, ma in seguito all'editto di Diocleziano fu preso e, dopo numerosi supplizi, messo a morte presso un olivo novello che tuttora si può ammirare (Olivo di S. Emiliano).

Il culto del santo patrono è stato sempre vivissimo a Trevi. Nel medioevo e nel rinascimento S. Emiliano si identificava con Trevi stessa, tanto che si diceva "di S. Emiliano" per indicare una cosa o un abitante di Trevi. La festa liturgica viene celebrata il 28 gennaio e la sera della vigilia si svolge "da sempre" la processione dell'Illuminata.

Sicuramente una chiesa esisteva da tempi remoti, ma i resti più antichi che si possono ammirare (tre elegantissime absidi e parte della parete sud) risalgono al 12° secolo.

Fu radicalmente trasformata e ampliata nella seconda metà del '400 e quasi completamente rifatta nella seconda metà dell'Ottocento su progetto dell'architetto Luca Carimini.

 

Della costruzione rinascimentale rimangono il Portale con il suo timpano in altorilievo, parte della facciata e la porta tamponata sul lato est. La statuetta che la sovrasta è forse del 13° secolo.

L'interno in bello stile neoclassico conserva affreschi del 16° secolo (abside minore e parete sud), altare della Trinità (1585), il magnifico Altare del Sacramento di Rocco da Vicenza (1521) con statue di Mattia di Gaspare da Como, statue lignee del Crocifisso e Cristo deposto (15° sec), due di S. Emiliano (15° e 18° sec.) e statua in travertino del Redentore di Cesare Aureli (1921). Oltre a varie tele, tra cui una deposizione del 17° sec. in sacrestia, meritano attenzione il cippo in cui furono rinvenute le spoglie del martire e la cantoria dell'organo su cui sono raffigurati vari episodi del martirio del santo titolare.

 

  Trevi, Italy. Chiesa di S. Emiliano.
Il campanile, soggetto a danneggiamenti da fulmini, fu più volte ricostruito nei secoli. Abbattuto per l'ultimo ampliamento della chiesa, si cominciò a ricostruire dalle fondamenta nei primi anni del secolo, ma fu terminato solo nel 1926, dopo l'interruzione dovuta alla prima guerra mondiale.

Nel 16° secolo formavano la Perinsigne Collegiata numerosi canonici. Fu canonico a Trevi Ugo Boncompagni, poi assurto al soglio pontificio con il nome di Gregorio XIII, il riformatore del calendario ora in uso, detto appunto "gregoriano"(1583).

VISITA GUIDATA

Ritorna alla pagina MONUMENTI                     Ritorna alla pagina CHIESE            Ritorna alla pagina SANT'EMILIANO


Associazione Pro Trevi - I-06039 TREVI (PG)
E-mail: protrevi@protrevi.com
© 1996-2014 by F. Spellani
Hosting: Explica s.r.l.
Aggiornamento: 10 giugno 2014.