Home - ProTrevi Appuntamenti Ricettività11 E-mail ProTrevi

La chiesa monumentale della Madonna delle Lagrime

XIV  -   UNA STRANA CONSUETUDINE

 

 

(Tommaso Valenti, La chiesa monumentale della Madonna delle Lagrime, Roma, Descl?, 1928 - pagg. da 122 a 129)

[ I numeri in grassetto  tra parentesi acute <  > indicano le pagine del volume originale. Le parole divise a fine pagina sono trascritte interamente nella pagina in cui iniziano]

 

 

sezione precedente                               Pagina INDICE del volume                                      sezione successiva

 


<122>

 

La cosa ?veramente cos?strana, che vale la pena di raccontarla con i maggiori particolari possibili, per quanto gi?altra volta io stesso mi sia occupato di questo argomento (1). Ma oggi, con il nuovo materiale d'archivio da me trovato recentemente, sono al caso di completare il breve cenno che della insolita costumanza trevana diedi alcuni anni or sono.

Venuti appena alle ?Lagrime? i Canonici Regolari Lateranensi, incominci?il popolo trevano a prendersi spasso con essi, quando cadeva la prima volta la neve. Si radunavano in buon numero ragazzi, giovani ed uomini fatti e ? spesso con tamburi ed armi ? andavano in truppa al convento delle e Lagrime?.

Il pretesto era di giocare alle palle di neve nel recinto annesso, alla chiesa; ma in realt?? specialmente quando i religiosi vollero far resistenza a quella scena poco civile ? la cosa finiva con un assalto vero e proprio al convento. I trevani ne forzavano le porte, se le trovavano chiuse, o, per entrare ad ogni costo, scavalcavano le mura del recinto. Poi si gettavano addosso ai pochi religiosi che erano l?dentro e l?legavano e li tenevano come prigionieri. Pareva che la cosa fosse fatta per ischerzo; ma il fatto era che quei poveri Canonici non erano rilasciati, fino a che non si decidevano a dare a quella turba insolente qualche poco di ?mancia?; 20-30 ?bolognini?, per lo pi?

________________________

(1) T. Valenti, Curiosit?storiche, cit. p. 43

 


<123>

Dico che questa barbara usanza incominci?appena venuti i Lateranensi a Trevi, che fu del 1500. Infatti nei libri di conti del 1501. gi?troviamo segnata la spesa della ?manza? (mancia) per la neve,(1). E, una volta incominciata, quella impresa si rinnovava tutti gli anni alla prima neve, con grave disturbo e pericolo dei religiosi, i quali ? cos?in pochi contro tanti ? si dovettero adattare a far buon viso a cattivo giuoco ed a sborsare subito quei pochi ?bolognini?, pur di liberarsi da ogni noia. Tanto, lo sapevano, che ? ad ogni prima neve ? era pronto per loro il solito scherzo; se cos?poteva chiamarsi! Dopo molti e molti anni finalmente, cio?nel 1557, il Preposto delle ?Lagrime? di quel tempo ? D. Teodoro da Mortara ? si decise a ricorrere alla autorit?ecclesiastica di Spoleto, rappresentata dal vescovo di quella diocesi e per esso da Mons. Gio: Pietro Forteguerri, da Pistoia, suo vicario generale. Questi eman?il seguente ?bando?: ?Havendo il R.do Mons. Io: Pietro Forteguerri da Pistoia,  dottore dell'una et dell'altra legge nel vescovato de Spoleto vicario ?generale, presentito nella terra de Trevi et suo territorio essere uno abuso in grande detrimento, periculo et prejudicio de persone et luoghi religiosi esistenti in ditta terra et suo territorio, diocesi de Spoleto, che ogni anno la prima volta che cade la neve, se fa cohadunatione de brigate, etiam con tamburo et arme, over senza; et cos?cohadunate'se ne vanno a turbare il quieto e pacifico vivere de persone religiose, intrando per forza e violentia nelli monasteri, chiese overo abitationi d'essi religiosi, havendo ardire anche de scalar le mura, sotto pretesto de jocare o fare alla neve, havendo anche ardire de metter mano a dosso de detti religiosi, con farli precioni et con farli pagare il rescatto o mancia, contra ogni honest?et decoro, non considerando il pericolo et grande scandalo che ne pu?nascere, atteso massime il rispetto grande che haver si deve a religiosi et essendo che a S. S.ria. R.da. se appartiene il rimediare a simili inconvenienti, per il debito del suo officio, n?volendo restare di fare le debite provisioni et remedii per quiete de'religiosi et per salute delle anime, per? dunque, per auctorit?del presente pubblico bando, o vero editto, ordina, comanda et expresamente prohibisce a tutte e singole le persone de qual si voglia stato, grado o conditione della ditta terra et suo territorio, overo

_______________________

(1) Archivio delle 3 chiavi- N. 241, f: 29.


<124>
?ivi habitanti, commoranti, o viandanti, che ardisca e presuma in [alcun modo] turbare ... il ... pacifico vivere delii detti religiosi, con neve, o senza, nelle loro abitazioni o fuori; n?meno per tal conto andarli ad assaltare a casa o monasterij, toccarli, ingiuriarli, farli prigione, n?altro prejudicio, n?in fatti, n?in parole per alcun tempo o mai; ma lasciarli vivere et stare in pace et quiete et attendere alli loro doveri officij et devote orationi continue. Sotto la pena et alla pena de cinquanta scut?de oro, da applicare per ognuno che contrafarr?al presente bando, et che in tutto o in parte quello violar?in alcun modo, alla fabbrica del palazzo episcopale; et de excomun?atione da incorrere ipso jure et ipso facto da, ognuno che contrafarr?al presente bando. Et vuole et comanda sotto le dicte pene pecuniarie, che ogni et qualunque religioso serra ricercato da qualsivoglia persona sopra la pubblicatione et notificatione del presente bando, nelle loro chiese mentre Si celebrano l? officij divini, et ce ?il populo ad ascoltare, devano tal bando pubblicare et notificare per li lochi soliti et consueti ad ogni semplice requisitione, come di sopra; et socto le dicte pene pecuniarie et de excomunicat?ne. Et vuole anchora che l'afficione de copie semplici del presente bando, per le mani de alcuno notaro della corte episcopale, alla chiesa de Santo Emiliano e de Sancta Maria delle Lagrime, overo alcun'altra della sopra ditta terra, cio?alla porta de esse chiese, habbia forza tale, come se da persona in persona fosse stato notificato et intimato; et che nisciuno se possa excusare de non haverne avuta notitia; et che, quanto alle pene pecuniari il patre sia tenuto per il figliuolo, il padrone per il garzone, et il magior di casa per ognuno della sua famiglia, che a tal bando contravenesse, esortando ognuno ad obbedire. Dechiarando che se darr?piena fede ad un solo testimonio, con il juramento del religioso, che haver?patito; et che se proceder?contro li transgressori per inquisitione, accusa, inventione denuntia et in ogni altro meglior modo, acciocch?l'errore non resti impunito et ne seguiti major inconveniente.

?In quorum fidem, etc.

?Datum Spoleti ex Palatio episcopali, die 6 Novembris 1557? (1).

Il bando, come si vede, non dice chiaro che i fatti lamentati avvenissero soltanto a danno dei canonici delle ?Lagrime?; ma deplora e punisce gli eccessi che si commettevano contro persone religiose

________________________

(1) Archivio delle 3 chiavi N. 251.


<125>
 in genere. Per?il fatto che non abbiamo memoria di simili aggressioni contro altri religiosi ? a Trevi c'erano allora altri quattro conventi ? e, pi?che altro la circostanza che il bando fu emanato a richiesta del Preposto delle ?Lagrime? stanno a dimostrare abbastanza chiaramente che soltanto per proteggere i Lateranensi si prendevano quelle energiche misure.

Il bando fu portato a Trevi dal Bal? di Spoleto il 16 Novembre e gli furono dati 10 ?bolognini? dall'economo delle ?Lagrime? (1).

 

* * *

Di questi avvenimenti ha lasciato memoria autografa il preposto D. Teodoro da Mortara, in uno dei libri di conti del convento in questi termini:

?Memoria a tutti li posteri et agenti del monasterio: qualmente essendo io. D. Theodoro Mortariensis preposito del 1557. nel meso (sic) di Novembrio, vedendo l'abuso et disordine che era de Triviaschi di venir ad assaltare il monasterio, quando veniva la prima volta la neve, et etiam a scalare il muro per far trarre li padri a darli la manza, feci venire un bando da Spoleti, che a pena cinquanta scudi d'oro a chi ardir?far tale insulto, pur non nominando chiesa particulare, ma in generale; per?sareti avvertiti ad altre volte non gli dar cosa alcuna; ma se vorranno far insulto per l'avenire, li mostrariti lo bando che ?nelle scritture della Madonna, cio?una copia, con scrivere a Spoleto a Mons: Vicario? (2).

Sembra che, l?per l? il bando avesse qualche applicazione pratica; poich? troviamo memoria che ai 7 di Novembre di quell'anno l'economo del convento diede 13 ?bolognini? a un ser Placido ? per man del fator di Spoleti (3) per una scomunica per causa della neve? (4). Probabilmente qualcuno sar?incappato nel bando e gli fu applicata la minacciata scomunica.

Ma con tutto ci?il bando rest?in seguito senza effetto. Le speranze del preposto D. Teodoro da Mortara andarono fallite, perch?il popolo non volle abbandonare il suo solito divertimento. Del bando se ne ridevano, e a Trevi non c'era forza sufficiente per farlo rispettare.

________________________

(1) Archivio delle 3 chiavi N, 252 f: 33 t.

(2) ivi.

(3) A Spoleto i Canonici Regolari Lateranensi erano nel convento di S. Giuliano, sul Monte Luco; poi anche a S. Ansano.

(4) Archivio delle 3 chiavi ? N. 252 f: 53t.


<126>
 

Infatti la Corte del podest?era composta di appena 6-8 persone, mentre gli assalitori erano parecchie decine!

Nel 1571 il preposto D. Gabriele da Piacenza deve con dispiacere riconoscere che il bando quasi mai si ?potuto applicare, specialmente perch?i preposti si mutano ogni due anni, e nel breve periodo della loro carica non si danno premura di prender conoscenza delle carte del loro convento e delle memorie lasciate dai loro predecessori: ?non se curano tanto de legger li memoriali?. Sicch?i trevani prendono coraggio e si fanno sempre pi? importuni, ?e quasi vengono a farci violentia con dir sempre essere stata tale usanza di dar loro la bona mano a simili hiorni. E non solo vengano li giovanetti figliuoli in grossa compagnia, ma, dopo loro, vengano li giovani grandi e homini di maggior et?a far mile insolentie alle porte tanto di giesa, come di caxa (casa); de maniera che questo anno del 1571 fu forza rendersi a dargli la bona mano (1), e del precetto di Spoliti se ne facevano beffe; anzi se non ge se d?quello che vogliano, dicono esser usanza di donar loro un fiorino. Per tanto io D. Gabriel da Piacenza al presente qu?prevosto mi deliberaj se dovessi mandar a posta a Roma de non tolerar pi?questa presuntuosa insolentia. Perci?in caso che ?io non ritornassi pi?alla cura di questo locho, siano avertiti li Revdi: Prevosti provedergli al meglio che sanno o per via di Roma o per via di Perosa. Io mandaij a pigliar la corte del podest? ma non ci pnoteti far cosa buona, per esser li trevani in numero pi?de sexanta persone. De modo che tanto non vi potetti reparare, che bisogn?donar loro tre ?paoli? (2).

Onde la fastidiosa e tragicomica usanza continu?indisturbata ancora per molti anni. Fino nel 1574 troviamo: ?Data di bona mano alla prima neve alli giovani treviani: bajocchi 25?.

 

* * *

Oltre a ci?sono venuto a conoscenza di un curioso documento del 1541, che mi pare possa riferirsi agli episodi della neve.

Un Liberato di Lucangelo Ottaviani da Trevi, aveva percosso e bastonato un tal D. Filippo, Canonico delle ?Lagrime?. Il reo, che per questo fatto era incorso nell'interdetto, si decide a chieder perdono alla sua vittima, in presenza del Vicario e del fattore delle

________________________

(1) Archivi o delle 3 chi a v i - N. 249. 1571 ? Gienaro. Per tanti dati a certi giovini trevani quali venero con la neve per mani di P. Isidoro, in tutto 10 denari.

(2) Ivi, N. 253.


<127>
?Lagrime?, in forma solenne, e con una ceremonia impressionante.

L'Ottaviani, dietro all'altare maggiore della chiesa, con inter-vento del notaio e di testimoni, si prostra a terra, con le braccia distese e con una corda al collo (cum capistro ad gulam) dinanzi al Canonico da lui percosso. Questi tiene in mano i capi della corda (1): come a dimostrare che dibende da lui la vita o la morte del reo, il quale chiede perdono umilissimamente della sua colpa.

Allora i Canonici presenti, vista la sua umilt?e considerata la sua ignoranza ? pi?grande, forse, della sua malizia ? con le dovute formule ecclesiastiche l'assolvono dall'interdetto. Ma, per porre un freno alla nequizia di chi volesse in avvenire osare altrettanto, l'Ottaviani deve promettere di non pi?offendere, finch?vivr? n?con parole, n?con atti i Canonici delle ?Lagrime?, presenti e fu-turi. Ed egli lo promette, sotto pena di 200 ?ducati? d'oro, da dividersi tra il comune di Trevi, la societ? dei notari, l'ufficiale che far?l'esecuzione ed i Canonici che fossero stati offesi (2).

Non posso dimostrare in modo assoluto che questo documento si riferisca ad uno di quei trevani che, per la prima neve, assali-vano i Canonici. Ma e per la data ? 21 Gennaio ? e per i termini nei quali l'istrumento ?redatto ? specialmente dove si dice di voler dare un esempio anche ad altri ? non mi sembra azzardata l'ipotesi che sia questo un documento di pi?sulla strana consuetudine di cui d?qui la notizia.

Quale fatto potesse dare pretesto all'origine del barbaro divertimento non saprei dire; n?trovo documenti che facciano al caso. Forse pu?mettersi questa usanza in relazione col fatto che la prima manifestazione della Madonna delle lagrime avvenne il 5 d'Agosto; giorno dedicato alla Madonna ?della neve? cos?detta secondo la tradizione sull'origine della chiesa di S. Maria Maggiore in Roma.

____________________________

(1) Era questo il cerimoniale in uso allora, come prima e pi? tardi. Trovo per esempio, in un atto del 13 Gennaio 1456 che D. Valentino Salvi (che fu poi uno dei cappellani delle ?Lagrime?) assolve un tale che aveva bestemmiato Iddio, la Madonna e S. Caterina, dopo che il reo si ? inginocchiato, con una cinghia al collo. (Archivio notarile Trevi ? To: 91 f: 43). Similmente i ribelli del Kent, ai quali la regina d'Inghilterra Maria ?la cattolica? volle far grazia della vita, dovettero, in numero di 400, ?comparire dinanzi a Maria col laccio al collo e chiedere ginocchioni perdono; dopo di che vennero graziati? (1554) (L. Pastor, Storia dei papi, cit: Voi: VI, pag: 186).

(2) Archivio notarile -T r e v i ? To: non numerato (1508-1551) f. 120. Sono atti di diversi notai; manca per?ogni indicazione di nomi. Ho potuto tuttavia accertare, per confronti paleografici, che questo istromento da me citato ?del notaio trevano Andreangelo Marj.


<128>
 

E ? cosa strana ? a Roma stessa la festa della Madonna ?della neve? che si celebrava ogni anno in quel giorno, nella cappella Borghese?, dette origine a indecenti gazzarre, per cui la si sospese (1). Le scenate di Trevi erano un'eco di quelle di Roma? O forse il candido abito dei Canonici delle ?Lagrime? richiamava alla fantasia dei giovani trevani il candore della neve, e con questo volevano stranamente metterlo a paragone e su questo scherzare a modo loro? Sono tutte ipotesi per tentare di trovare la genesi della strana consuetudine.

Pi?che altro, per? io crederei che potesse trovarsi una spiegazione psicologica di questa specie di follia collettiva, nella sovreccitazione allegra e rumorosa che lo spettacolo della neve, non frequente da noi, come altrove, produce cos?nelle persone singole ? e specialmente nelle pi? giovani ? come nelle folle. Onde neanche ora ci meravigliamo se ? quando una rara nevicata copre le piazze e le vie delle nostre piccole citt?? noni ragazzi soltanto fanno alle pallate e si rincorrono e si colpiscono con gli innocui proiettili ! Che, se tanto avviene oggi, ?lecito supporre che ben pi?scapigliate e sfrenate fossero le dimostrazioni di gioia quasi pazza, a quei tempi nei quali tutte le manifestazioni della psiche umana erano esagerate fino all'esasperazione. E i Canonici delle ?Lagrime? lo sapevano per prova!

***

E qui mi viene alla mente ? e forse non fuor di luogo ? un episodio storico, che potrebbe essere a con-ferma della spiegazione psicologica da me tentata per la strana consuetudine trevana.

Nel carnevale del 1417, in Spoleto, una grande schiera di gentildonne e di cittadine delle migliori, in maschera, giocavano alle palle di neve. E, cos? giocando, andarono fino al municipio; ne forzarono le porte, e, discacciati i ?priori? a furia di pallottole di neve, sedettero in luogo di essi fino a sera (2).

Ravviciniamo questo fatto a quello che si verificava a Trevi ad ogni prima neve, e pi?punti di contatto ci serviranno a dimostrare che anche quella era una pazzesca manifestazione della folla imbizzarrita.

Non so come e quando la ?guerra della neve? scomparisse dalle

____________________________

(1) Ernesto Mancini, ?Neve d'Agosto? in ?Giornale d'Italia?, 5 Agosto, 1924, N. 186.

(2) Achille Sansi, Storia del comune di Spoleto, Foligno, Sgariglia, 1879, Parte I, pag: 292.


<129>
usanze trevane. Dopo il 1574 non abbiamo su di essa altri documenti. Onde ?a credere che ? dopo quasi tre quarti di secolo ? il pubblico trevano si persuadesse che, se per tutti sotto la neve c'?il pane, non era n?giusto, n?umano che quei poveri religiosi ci trovassero invece ... le legnate!

 

 

 

sezione precedente                               Pagina INDICE del volume                                      sezione successiva

 

(Tommaso Valenti, La chiesa monumentale della Madonna delle Lagrime, Roma, Descl?, 1928? pagg. da 122 a 129)

 

 Ritorna alla pagina indice                Ritorna alla pagina Chiesa delle Lacrime

087

Associazione Pro Trevi - I-06039 TREVI (PG)
E-mail: protrevi@protrevi.com
© 1996-2017 by F. Spellani
Hosting: Explica s.r.l.
Aggiornamento: 27 aprile 2016.