Home - ProTrevi Appuntamenti Ricettività11 E-mail ProTrevi

Le memorie francescane di Trevi

giubil03.JPG (5965 byte) itinerario giubilare

(D. Aurelio Bonaca, Le memorie francescane di Trevi, Estratto da Studi Francescani, Anno XIII, n° 1, Firenze, 1927- pagg. 61)

 

II parte: I CONVENTI FRANCESCANI A TREVI

§ 5. - Il Convento di S. Antonio o dei Cappuccini.

Sopra un colle bellissimo, da cui si spazia nell’ampia verde umbra vallata, era la dimora dei Padri Cappuccini. Un settarismo sciocco vi fece erigere nel secolo passato il Cimitero con lo scopo preciso di creare uno stato di cose che impedisse il ritorno dei Frati.
Il Convento abbastanza grande, aveva tutte le caratteristiche di quelli costruiti da questi umili Figli di S. Francesco, e la Chiesa era semplice e non molto grande. I Cappuccini vennero a Trevi nel 1559 ed in principio fu loro dato un eremitaggio, che era stato fondato da Senzino di Bernardino da Trevi. Poco dopo però e poco lontano dall’eremitaggio fu costruito un Convento. Fatti di grande importanza non notano i documenti che parlano dei Cappuccini; si sa che i buoni Frati furono pieni di zelo e di carità. Le Riformanze del Comune notano i vari sussidi che venivano loro concessi..
Nel Convento di S. Antonio dimorò certamente S. Giuseppe da Leonessa, ed il Signore operò un prodigio per l’intercessione del suo servo fedele.
Ho trovato il racconto del fatto negli atti del notaio trevano Germanico Paolelli
1 ; ho ragione di credere che questo documento sia del tutto sconosciuto e ritengo perciò interessante pubblicarlo per intero.:
"In nomine Domini Amen. Die 14 mensis junii anno 1629. In mei notarii pubblici et testium infrascriptorum praesentia, praesens R. Dna Tesbina monialis in Monasterio S. Luciae Trebii pro veritate requisita dixi ut infra: Non molt’anni prima che morisse il P. f. Gioseppe predicatore Cappuccino da Leonessa accorse che stando nel Monastero di S. Lucia di Trievi inferma Marta di Gio. Angelo del Ferro, fanciulla di dieci anni, dove era per educarsi sotto la cura di ma Tisbina Cascioli abbadessa in quel tempo e per quanto affermavano i medici era idropica, et un medico forastiero di gran nome disse scopertamente ch’il suo morbo era naturalmente e per regole di medicina totalmente incurabile e che s’attendesse alla salute dell’anima, perché il corpo era affatto perduto; et all’altre pessime conditioni e concorrenti dell’infermità vi si aggiungevano dolori gravissimi et acutissimi di ventre, il quale era tutto incordato et indurito e vi si scorgevano come due corde durissime. Venne intanto fra Gioseppe a dir Messa in questa Chiesa e quelle bone Madri per la divotioni che gli havevano gli fecero intendere per mezo d’una domestica che serviva il Monastero il pessimo stato della d. inferma pregandolo e supplicandolo per amor di Dio a degnarsi di dir quattro parole di conforto alla disperata fanciulla, ch’a tale effetto gli farebbero portare alla grata et a pregare Dio per lei; ma rispondendo brevemente il Servo di Dio che non parlava a Monache; esse soggiunsero che almeno si degnasse di toccarla e dargli la sua benedittione; e ciò dicevano perché confidavano grandemente nei suoi meriti. Rispose f. Gioseppe che non voleva, né occorreva più toccarla perché era già libera e risanata. Andarono e trovarono ch’erano cessati i dolori, risoluto il tumore et affatto sana restando solamente per alcuni giorni in letto con debolezza in segno d’infermità che haveva patito e per memoriale della miracolosa liberatione et operatione di Dio ad honore del suo fedel Ministro; et hora vive sana e robusta e si chiama suor Agnese et hoggi 1629 è Abbadessa nel presente Monastero.
Super quibus … petitum fuit a me notario pubblico confici publicum instrumentum, praesentibus in terra Trevii in Ecclesia S. Luciae, ante gratam respicientem intus clausuram d. Monasteri in d. sua … latera ad mul. rev.do D. Pietro Picchio Vicario S. Dominici Trevii et Cappellano d. Monasterii e D. Piersante Canasserio de Trevio testibus vocatis et rogatis.
f.to Germanicus Paulellis notariu rogatus ".
Dei Optimi Providentiae. D. Luciae Tutelae
Laurentii Castrucci Ep. Sp. Vigilantiae
Agnes Abbadissa et Moniales P.A.D. MDCXXXV.

 

Z99

Ritorna alla pagina indice                                         Ritorna all'indice di Memorie Francescane
<<<Vai alla pagina precedente                                                                                      Vai alla pagina successiva>>>


Associazione Pro Trevi - I-06039 TREVI (PG)
E-mail: protrevi@protrevi.com
© 1996-2017 by F. Spellani
Hosting: Explica s.r.l.
Aggiornamento: 15 aprile 2016.
 
Note
1
) Archivio Notarile di Trevi, Atti del notaio Germanico Paolelli, anno 1629, f. 208.