Home - ProTrevi Appuntamenti Ricettività11 E-mail ProTrevi

Epigrafe a Ludovico Valenti

Trevi, Facciata del Palazzo Comunale.

Trevi, epigrafe di LudovicoValenti -1759
Trevi, Palazzo Comunale, Lapide di Ludovico Valenti (foto 6/2002) N60915
 

LVDOVICO
ALEXANDRI DE VALENTIBVS
EX COMIT. RIVI SICCI F.
A CLEMENTE XIII P.M.
EPISCOPUS ARIMINENSIS
ET S.R.E. CARDINALIS
VII KAL OCTOBR. MDCCLIX
FUERIT RENUNCIATUS
S.P.Q.T.M.P.
Potrebbe essere così interpretata1  e così tradotta

Ludovico
Alexandri de Valentibus
ex Comit(ibus) Rivi Sicci f(ilius)
a Clememnte XIII P.M.
Episcopus Ariminensis
et S(anctae) R(romanae) E(cclesiae) Cardinalis
VII Kal(endae) Octobr(is)
MDCCLIX
fuerit renunciatus
S(enatus) P(opulus)Q(ue) T(rebianus) M(emoriam) P(osuere)

A Ludovico
figlio di Alessandro Valenti
  dei Conti di Rivo Secco
da Clemente XIII Pontefice Masssimo
 proclamato
Vescovo di Rimini
e Cardinale di Santa Romana Chiesa
il 25 settembre 1759
Il Senato e il Popolo di Trevi, posero (questa) memoria

Vedi: Ritratto nel museo di Borghi (Forlì-Cesena)

É interessante il giudizio su Ludovico Valenti di un nostro concittadino di un secolo fa 2.

Coadiutore allo zio Ferdinando nella di lui avvocatura fu dato da Benedetto XIII il nepote Ludovico Valenti. Questi di poi percorse successivamente nella Curia Romana vari offici, come di prelato domestico, Promotore della Fede, consultore del santo officio, finché da Pio VI, il 15 aprile 1766 fu promosso al cardinalato. Fu eziandio vescovo di Rimini. Nel conclave di Venezia, in cui l'elezione del nuovo pontefice ebbe a fluttuare fra le opposte correnti eccitate dalle diverse fazioni, Egli per qualche giorno papeggiò; ma poi non hunc elegit Dominus, ma il Cardinal Chiaramonti da Cesena, che si chiamò Pio VII. Credo che il Cardinal Ludovico conte Valenti abbia ben meritato dalla sua patria per più titoli, che quivi non saprei specificare, meno uno, quello di aver fondato la Congregazione Consorziale delle acque per bonifico della pianura, e coll'aver dato origine agli orti che diconsi Canepine, forse dal genere di coltura che in principio vi prevalse, orti che poteronsi formare dopo l'escavazione dell'Alveolo. Fu benemerito, ma dove si vede un segno della riconoscenza cittadina? Altro che le lapidi, colle quali in breve tempo è stata impiastrata la facciata del palazzo Municipale! 

 
Ritorna alla pagina indice                Ritorna alla pagina EPIGRAFI MODERNE                        Famiglia Valenti

032


Associazione Pro Trevi - I-06039 TREVI (PG)
E-mail: protrevi@protrevi.com
© 1996-2017 by F. Spellani
Hosting: Explica s.r.l.
Aggiornamento: 08 aprile 2017.
 
Note
1) C. Zenobi, Storia di Trevi dal 1746 al 1945, Todi, 1987, p. 43. L'interpretazione di Zenobi non coincide perfettamente con questa, ma il senso è inalterato
2) Don Eugenio Venturini, La parrocchia  di S. Croce, Ms., (1906). Archivio di S. Emiliano, p. 43-44.