Home - ProTrevi Appuntamenti Ricettività11 E-mail ProTrevi

 

Marchittu

 

Le satire

 

Francesco Marianucci (Marchittu), notizie biografiche

 

 

PERCHÉ MARCHITTU CANTA

 

AC75

Voli sape' perché Marchittu canta?

Perché non c(i) ha la porta do' che s'entra.

No' la po' fa', ché la miseria è tanta

e anchi li ricchi jje ce do' 'na spenta:

 

VG

Anchi quist'annu la miseria è tanta

che ogghj è pancottu e dimani è pulenta

e 'sti signori jje ce do' 'na spenta

 

Luigi Bartolini, proprietario di enormi appezzamenti montani, probabilmente esigeva canoni di affitto da Marchittu. Analogamente il Minestrini, fattore dell'Amministrazione Martinez.

La famiglia Martinez, di origine spagnola, aveva ottenuto dalla Reverenda Camera Apostolica tutti i possedimenti dell'antichissima abbazia di Bovara per estinguere dei debiti pregressi.( Nessi, Trevi e dintorni, Trevi, 1979, pag,19).

AC75

Bartulini jje fa pacà lire sessanta

e Ministrini ne vole 'n' antre trenta.

Evviva Umberto, Evviva la Nazzione,

Bartulini all'infernu e Ministrini a forcone

 

 

 

Variante di Maddalenna Zenobi 13/8/79. Canovari recitava "Ministrini senza patrone"

MZ 79

Evviva l'Italia, evviva lu guvernu

Ministrini a spassu e Bartulini all'infernu

 

D'A

Ma prima che se cambi lu guvernu

Ministrini senza patrone e Bartulini all'infernu.

 

 

 

 

CASA DE MARCHITTU

 

AC75

Per jji su ccasa de Marchittu, tu

passa pe' li piantuni de Mangini su,

ché doppo pua trovi un lachittu

e pocu più llà sta casa de Marchittu.

 

 

 

 

INVITO

 

AC75

Cittadini Trevani, ve 'nvito a tutti:

venéte su a tempu de li frutti.

 

 

 

 

PEZZOLA DE MARCHITTU

 

GZ 09

Qui reposa Pezzola de Marchittu

Perché je piacque de fa lu cittadinu.

Vidi, quante vorde te l'iu dittu

A Trevi non ce ji più a fa' lu painu.

 

Verrà lu chiappa cani zittu zittu

Vedrai che te lu mette lu struzzinu

 

Lisandro de Gaudenziu bruttu e brunu

Lue t'ha sotterrato sotto a 'stu piantone

Poru cane mia, a stabbià la chiusa de Melone.

A li signori de Trevi belli e brutti

Qua sotto ce dovete veni' tutti

E se chidunu passa sotto a stu piantone

Arzete su e daje un muccicone

 

 

AC75

Quante vorte te l'ijo dittu:

Non ce jji a Trej a fa' lu pajinu!

Gaudenziu Ciafranu, bruttu e brunu

che rispettu n'ha portatu maj a nisciunu,

quillu te lu mettètte lu struzzinu!

E tu c'jisti 'na vrutta percossa

pe' jji per Trevi scotecanno l'ossa.

.......

Mo t'honno sotterratu sott'a 'n piantone

e stai a stabbia' la jjiusa de Melone.

Ma 'sti cani trevani, belli e brutti

 

 

sotto 'sta pianta honno da passà tutti.

E se s'accosta chidunu a 'stu piantone

arzede su e daje 'n moccecone!

Sulla via del cimitero

 

 


MUSCHINU

 

D'A 77

Mo te l'ardico a te, caru Muschinu,

de no jji più per Trevi a fa' lu pajnu,

che se te po' 'cchiappa' l'acchiappacane,

dieci lire pua te farrà pacane!

 

Tira Muschi' che ci sta la sargiccia!

Altro nome di Pezzola oppure trattasi di un altro cane?

 

 

 

LA SECONDA MOGLIE

 

AC75

 

La Pippinella è de cattija razza

de fa' cose pulite nun c'è avvezza:

l'omini de quell'andre l'accarezza,

quilli de casa sua li strapazza.

 

 

Clitunno 25/12/60

Lu maritucciu sua lu strapazza

e l'omini de quell'andre l'accarezza

 

AC75

 

Ha 'ffittatu 'na casa sfasciata:

pe? pac?trenta lire de picione

per' paca' cingue lire de picione

tratta con tutti quilli de Melone.

 

 

D'A 77

La Pippinella tanto calimata[1]

non vole sta' alle Coste né a Rumita

vole sta su 'na casa sfasciata

a piriculu de perdece la vita

e va a fatica' a uffu co' Melone.

 

 

AC75

 

Sai chi tratta la moje de Marchittu?

So' Pietri, Ghjuanni e 'Ntunittu

Je facija, le serenate, 'stu cojone

e parìa 'n malanottu s'un piantone.

Voli sape' che canzona je dicja?

"Quanto si vella Pippinella mia!"

E la fija pua non ce jova

né che sia vona né che sia vella,

tant'è la fija de la Pippinella!

 

 

 

 

LA CONTRAVVENZIONE DELLA FORESTALE

 

AC75

 

'N certu Caprini, guardia forestale,

senti se che me fa 'stu bbirbaccione:

quell''è jjente che sempre fa der male

e lu Padreternu 'ngò jje dàraggione

(e anchi lu Padreternu jje dà raggione.)

 

 

 

'Na matina sull'arba e sull'arbetta

ero jjitu a fa' l'erba jjo la campetta

co' lu mulu, lu saccu e la fargetta,

ijo licatu lu mulu s'un cerquone,

passa Caprini e me fa cuntravizzione.

 

 

 

-"Che sta a fa' tu llì ddesto, bellu mia:

no lo sai che l'erba nun se pija?"

 

NF78

-"Fa' fenta che n'hai visto che sto a fane

anchi a lu mulo tocca da' a magnane."

-"Non èla prima vorda che te veco:

prima agghjo chiuso l'occhj e mo te freco."

 

Ma tra 'na sittimana pachi pena

che t'ho appioppatu su 'na moje prena!

 

 

 

 

MARCHITTU LEGNAIOLO

VG 78

 

Commo me so' ridutto io, compagnu,

porta' le lena tra Pacenza e Mugnu!

E no perché sia tantu lu guadagnu:

più che me lo fa fa' è lo visugnu,

 

Fornai, rispettivamente in via S. Francesco e via della Fonderia.

 

 

 

Perché iqquì non se pranza e non se cena

se Marchittu non va a Treij co' le lena.

 

 

Ché se le porta a Pippinu de Vijulinu

lu pole rimedia' quarghi quatrinu

ma quanno va da Mugnu o da Pacenza

se voi  magna' te tocca fa' credenza

Vincenzo Giuliani padre, detto Pippinu, fornaio in via Lucarini, ora Largo don Bosco.

 

AC75

 

Ché se va da Pippinu de Vijulinu

po' esse che rimedia che quatrinu,

 

 

ma se le porta da Pacenza o Sfonna

da quilli non rimedia 'na matonna!

Sfonna o Sforna, fornaio, forse in via Dogali.

 

 

 

L'APROVVIGIONAMENTO RAZIONATO (1917)

AC75

Lella de Pattofatto:

"Più de 'n filone de pane

non te ne pozzo dane"

Marchittu:

"E commo me po' vastane

sol'un filone de pane

tra me, lu cattu e lu cane?"

Alimentarista in via Roma

 

 

LE FAVE DI UBALDI

DR76

 

Bollettero da minzijornu a menzanotte

le fae de sor Luice e n'ereno cotte

Bollettero da la sera a la matina

e era sempre la stessa manforina

Le pasaai da la pigna a lu callaru

e non le magnaa manco lu somaru

 

-----

 

Dopp'una sittimana su lu callaru

No le rosicaa manco lu somaru

 

 

 

e in 'urdimu pua, per falla finita,

le sfrunzolaj jjo per la Rumita!

 

 

 


IL COMMISSARIO PREFETTIZIO
 

AC75

 

Lu cummissariu è de cattija razza

toccarja vuttallu da la torre in piazza

e l'ossa su l'ossariu de lu Crucifissu

ché su la cummuna se magna tuttu issu.

Luigi Cecchini (Gigetto de Paoluccio), impiegato in Comune,      presentò Marchittu al nuovo commisario prefettizio.

Asterio Agostinucci fu commissario in Trevi dal 1/3/1923 al 21/9/1924

 

 

LU STRADINU

 

VG

Lu ssindicu de Trej fa lu painu:

pe' le strade c' ha missu lu stratinu.

Ma prima, senza spenne lire trenta,

unu con 'n cargiu, 'n anndru co' 'na spenta

buttaono li sassi da 'na parte,

senza l'ordinazzione de le carte.

Asseja macari ce se sbocca

ma lì menzu lu sassu non lu tocca.

Chi pe' la strata c'ha da passa':

lu stratino che l'ha da sposta'!"

 

 

 

LE FIERE A BORGO

 

Clitunno 15-3-61

Poru Trevi, commo te sei ridotto

senz'avocatu e lu ssindicu cioppu,

feste e fiere fonno tutte a Burgu

Poru Trevi, t'honno muissu curgu.

 

AC78

Le fiere e le feste le fonno a Burgu

e lu poru Trevi lu mettono curgu.

Antonio Casciola

 

 

I NUOVI CAVALIERI

 

AC75

V?ne Ciuffelli a Trevi l'andru jeri,

s'ancundra con un brangu de somari

e li dichiara tutti cavallieri.

Anchi Primu allu spetale ll?la porta

?cavalliere de la vocca storta!

Senatore del Regno

Primo, portiere dell'ospedale, un povero diavolo con la faccia deformata dalla paresi

 

 

ELOGIO FUNEBRE
 

AC75

Sor Luice de Vartulini è mortu

 

 

e non putia magnà' lo pane sciuccu.

Che Dio l'abbia in celu. E pu lu scappi

drento lu fornacchjone de Palluccu!

 

Perch?diabetico, o secondo altre versioni, non mangi?mai pane solo, senza companatico, come i poveri.

Fornacchione = fornace per cuocere le pietre calcaree e fabbricare la calce viva.

AZ 78

Sonate co' le tromme e li vijulini

ch'è mortu sor Luice Vartulini.

E beata sia quella ricottella

che jje fece pija' la cacarella.

(Nato a Trevi 1925, figlio di una Bartolini)

 

 


I  BONACA
 

VG 78

Va' lettera mia e pija pieca,

va' a trova' Serafinu de Vonaca;

quillo coll'operaj ce fa leca

e a chi fatica non nega la paca.

 

 

AC75

De la Faustana sarraj la riggina

e non te mancara' pane e farina.

E lu poru Marchittu tra le macchje

a cicirilli commo le cornacchie.

 

In occasione delle nozze di Angelina Bartali, figlia del medico di Trevi, con Nello Bonaca proprietario dei molini di Faustana

DR76

E se me pija chiccosa all'impruvisu

te preparo 'na sedia 'n paratisu.

Per l?occasione il Bonaca gli abbon?il debito pregresso

 

 


EVVIVA
 

AC75

La nebbia sparisce, lo sole risplenne

Evviva Vonaca, Caicchja e Poènne

 

 

 


IL MURATORE DI BONACA
 

AC75

Mastro Tre con Mastru Qauattru
con Vonaca ha fattu un pattu:

de fini' lu capannone

prima de lu solleone,

ma a met?de lu lavuru

s' allam?'n pezzu de muru

e lu licenzi?Vonaca

co' lo daje menza paca:

la Cioppetta non po' sposa'

che non c(i) ha da daje a magna'.

"Cioppetta, mia Cioppetta

so' cascata da la vanchetta!"

"Te l' ijo dittu, 'mpertinente,

che non capii probbio gnente!

Quanno facisti quillu caminu

sulla via de San Martinu,

se non era pe? lu patrone

te cascava su lu groppone!"

 

 

 

 


LU TAPPU DE LA SCHJUMA
 

AC75

Lu Tappu de la Schjuma,

che per vedellu ce vola la luma,

quilli de le Coste, che so' birbuni,

lu fecero arvini' jo de cuturuni.

Non so se chi diavulu l'ha fatti:

c(i) ho' sette spiriti cormo li gatti

so' come palle de scaravottuli,

pargono fiji da li capuciottuli!

Soprannome di un tale di Bovara o Faustana

 

 

 

 

                (quelli delle Coste ??)

 

 


IL GRANO DELLE COSTE
 

AC75

Alle Coste ci sta ?n campu de granu
che se vede da vicinu e da lontanu.

una coltura su larga scala che aveva fatto

un tale tornato dalle Americhe

DR77

Ce lu vorze piant??americanu

anchi se paria un fattu stranu

 

A mane a mane che v?e lu callu,

da tuttu verde ?doventatu jallu

(Mo' verro' a m?ilu da Sinigaja)

 

AC75

Li metituri verro? da Sinigaja

E farr?un due con tutta la paja.

avr?una "resa" insignificante anche sommando il peso del grano alla paglia.

 

 


LE MALEFATTE DELLA ?CESPETANA?
 

AC75

Ner Mille e ottocento ottanta quattro

ner piccolo villaggio de le Coste,

dove a Antonietta dett?o le bbotte,

la Cespetana, che era 'na rruina,

da lu saccu la lejava la farina,

ch?per fa li pasticci era fatta apposta,

per dalli alla fija menza guasta,

e per portalli all'amante jo la posta.

Era de notte e non ce dija la luna

E ll?formonno ?na lita puttana,

a Ghjuannittu je casc?la fuma

e fu la furtuna de la Cespatana.

 

 

 

 

 

 


IL FURTO DELLA ?CESPETANA?
 

AC75

 Ne la terza domenica de lujo

jente de Trevi fa' rite ve vojo.

La Cespetana rubb?'na sarvietta

co' drento pesche, vrugnuli e porchetta.

 

La Cespetana quanno fu 'interrocata,

pe' la paura de ji carcerata,

-certo, per essa non fu 'na cosa vella -

je pij?'na gran sciorda a cacarella.

 

Quante vorde t'iio dittu, brutta vacca,

che la robba dell'antri non se tocca?

De votte te ce ne vurria 'na scarca

Comm?a Cesere Vattisti su la forca!

 

Costajoli che comprate la porchetta

no' la mettete pi?su la sarvietta,

ma mettetela drent' a la catana

e guardate se ci sta la Cespetana.

 

 

 

E se pua fosse gr?ita la fija,

jete e magnalla lontanu cento mija.

Aveva addotto come scusa una "voglia" della figlia incinta.

 

 


LA ?CESPETANA? E CALOPPA
 

D'A 75

La Cespetana stija drent'a 'n fossu

a scoteca' 'n cavallacciu grassu,

passa Caloppa e' je dimanna 'n osso:

"Fammulu scoteca', pu' te lu lassu"!

 

 

 

 


IL PARROCO DI BOVARA
 

D'A 75

'Rduna le donne lu preti de Voara,

che se le po' cchiappa' tra du' lenzola

je vole fa' strilla' "mamma mia cara! "

Le vole scantona' jo pe' lu pianu,

je vole fa' sarda' tutti li fiumi,

le vole porta' sempre pi?lontanu.

Se se vole artorna' chiduna vecchia

che se ne vole arghji' su pe' la macch?,

je d?'na zampatona su la ...

 

 

 


L?INCONTRO CON DON GENNARO
 

AC75

Marchittu:

Lu preti de Voara

ha cambiatu le campane

per arduna' tutte quante le puttane

E D. Gennaro per licenziarlo:

"Brau! Brau! Brau!"

 

 

D'A 75

Don Gennaru ha cambiatu le campane

p'arduna' tutte quante le puttane.

 

 

 


LITE DI DONNE
 

AC75

Passai in Piagghja per cumbinazzione

e viddi a litica' 'n par de puttane:

doppo l''ingiurie passorno a le mane

e il?s'arricciorno drent'un portone,

e chi casca all' arreto e chi travocca,

a chi mostra lu culu e chi la...vocca

 

 

 


TREVI E PARRANO
 

AC75

Mo' ve vojo arconta' un fattu stranu

che succed?te a 'n ome trevanese:

j?te a lu fiume a 'bbera' lu somaru

e ll?ncuuntr?'na donna parranese;

 

L'ome nun se mostr?per gnente avaru

e la donna fo anchi pi? cortese,

issu je d?te tre franchi su la manu

? e ll? nfrascorro Trevi co' Parranu.

 

 

 

 

LE VARDASCE DE LA PIGGE

 

DR76

Le vardasce del La Pigge

tutte quante se sonno dipince,

ma quanno fonno li maccaruni

li fonno commo li tavuluni.

 

 

 


ANATOLIA DE LA PIGGE
 

DR76

A La Pigge c'?'na certa Anatoja

che lo sole de l'estate je d?nnoja,

se jira e 'rvorda attorno la boscaja

ch?l'arte sua non ?de fa' la foja.

 

 

 


AL PROPRIETARIO DEL MAIALE CASTRATO
 

DR77

 

Lu purchittu te l?agghjo crastatu

probbio commo tu m?hij commannauto.

Mo tu je mitti ?n po? de pajaricciu

e pua se more io non me n?ampiccio.

 

 

 


CIANO
 

DR77

Ecculu Cianu,vistiti de ghjallu,

va alla Rumita a fa? l?ornellu.

Ce lu chiappa Marchittu callu callu:

?Lu v?i guarna? a uffa l?asinellu??

Tale Feliciano Gasperini?

 

 


CENCIU

 

DR77

Ecculu Cenciu, cojona-puritti,

fa lu partitu e pu? neca li patti.

 

 

Quanno che v?jo casa li Marchitti

Li Marchitti = i familiari di Marchittu

 

Je se mette a sfroci?commo li catti;

co ?na cagnale e pu? ?na cagnaletta

a li Marchitti frec??na ghjusetta.

aveva un tic.

 

 


LU PRETI DE PIAGGHJA
 

AC84

Lu preti de Piagghja 'n c'ha paura

'bbench?la robba sia tanto cara,

da lu muru l'ha staccata la pittura:

de la ghjesa s'?vinnuta anchi la vara.

 

 

Il parroco di Piaggia era all'epoca Don Arcangelo Buonaccorsi.

La pittura era parte di una crocifissione del primo '400, nel cortile di S.Croce, staccata e venduta nel 1912.(Nessi, Trevi e dintorni, Trevi, 1979, pag,77)

 

 

 


DON MICCHELE E MICCHILINA
 

AC75

So' fugghjati don Micchele e Micchelina

honno pijatu la via de la Toscana:

Cannaiola ?senza messa stamattina

e all'appellu ce manca 'na puttana.

 

Ma io non so che: voja fa' 'stu papa,

che non je d?'na vanga co' 'na pala:

che 'n po' sarr?pe' la poca fatica

sto? tuttu lu jornu su la pianta de la fica.

 

 

 

 


ROMA
 

AC75

Roma. Te d?e non te dona:

li vecchi l?ammazza e li joveni li doma

 

 

Prima parja de sta? su ?n?andru munnu

E pua de ji a fin?jo lu sprufunnu!

 

Sul materasso a molle.

 

Me so fattu le scarpe velle

Vaco a Roma e ce lasso la pelle

 

 

AC81

Ché se Marchittu lu voli fa' campa'

su la Rumita tu l'hai da 'rportà

 

 

 

Ritorna alla pagina indice                                    Autori locali


[1] Una versione linguisticamente molto addomesticata, fu pubblicata nel "Clitunno" del 25/12/1960

082-08Z-175
 


Associazione Pro Trevi - I-06039 TREVI (PG)
E-mail: protrevi@protrevi.com
© 1996-2017 by F. Spellani
Hosting: Explica s.r.l.
Aggiornamento: 17 maggio 2017.