Home - ProTrevi Appuntamenti Ricettività11 E-mail ProTrevi

Proverbi Umbri raccolti da Oreste Grifoni

28-  DIO - SANTI - FESTIVIT - COSE DI RELIGIONE   (pagg. 94-98)

Pagina precedente                                       Pagina INDICE del volume                                           Pagina successiva

 

Nota: Tra parentesi acute < > riportato il numero della pagina.

 

1.

 

 - Co' Dio 'nse scherza.

 Deus non irridetur. (S. PAOLO: ad Galatas).

 

2.

 

 - Dio aspetta l'omu a pinitenza.

 Non veni vocare iustos, sed peccatores ad poenitentiam.(S. LUCA : c. V).

 

3.

 

 - Dio abbraccia lu peccatore pintitu.

 Gaudium erit coram angelis Dei super uno peccatore poenitentiam agente.(S. LUCA: c. 15).

 

4.

 

 - Sillaba de Dio non se cancella.

<95>

 

Caelum et terra transibuut, verba autem mea non trausibuut. (S. LUCA: c. 21).

 

5.

 

 - Dio co' 'na mane preme e l'antra solla.

 Quouiam tu flagellas et salvas, deducis ad inferos et reducis.   (TOBIA : XIII)

 Iddio che atterra e suscita, che affanna e che consola, ecc. (A. MANZONI: Il 5 maggio).

 

6.

 

 - Dio veja, non dorme.

  De mane vigilabo ad te.  (Is.: 26, B. Q.).

 

7.

 

 - Ci sta Dio de sopra.

   Egli tutto vede e tutto giudica, e con sapienza e giustizia infinita premia e castiga a modo.

 

8.

 

 - Dio ce la spissu 'na croce de legnu e ce ne manna un'antra de ferru.

 

9.

 

 - Pregamu Dio antro che quannu stemu male.

  Cum res traepidae, reverentia Divm uascitur. (SIL. ITAL. P. 7, 88).

 

10.

 

 - Li secreti de Dio non li sa niciunu.

 Latent quidem divina misteria. (S. AMBROGIO: l. 2, in Lucam)

 

11.

 

 - Solu Diu senza difetti.

   Non erat in eo ulla macula.(L. II dei Re - c. 14, v. 24).

   Rectus Dominus Deus noster, et non erit iniquitas in eo.(Sal. 91)

<96>

 

 

12.

 

 - Dio non vle niciunu contentu.

  Poi guardai, guardai, guardai, tutti portan la croce quaggi. (PARZANESE)

 

13.

 

 - Scherza co' li fanti e lascia sta' li santi.

 Ci avverte che possiamo scherzare con i fanciulli, ma che dobbiamo comportarci dignitosamente coi Santi.

 

14.

 

 - meju fa li cunti co' lu ministru (sacerdote), che co' lu padrone (Dio).

    Per i restii ad accostarsi al Sacramento della Confessione.

16.

 

 - Nisciun Santu fu adoratu in patria.

   Nemo profeta in patria sua. (S. LUCA: IV, 24)

Franc.

 

 - Nul n'est prophte chez soi.

Spagn.

 

 - Nadie es profeta en su patria.

 

16.

 

 - Passatu lu Santu, finita la festa.

Franc.

 

  - La fte passe adieu le saint.

 

17.

 

 - San Martinu, lu santu de li briacuni.

 Per San Martino (11 nov.) si assaggiano i vini nuovi e, con le troppe libagioni, le sbornie sono in buon numero.

 

18.

 

 - Messa e 'nsalata 'n bona se 'n incominciata.

19.

 

 - Messa e biada non torgu' (non tolgono) strada.

 Non ritardano il cammino, perch la Messa breve, e la biada si pu mangiare, dal giumento, mentr' in cammino, nel sacchetto sottoposto al suo muso.

 

<97>     20.

 

 - A la Messa li cristiani, a la predica li luterani.

   I cristiani, cio i cattolici, hanno bisogno di santificarsi con la Messa, i luterani di convertirsi con la predica.

 

21.

 

 - San Gionni, tutti li fiji vo' da le mamme.

  Il giorno di San Giovanni (27 dic.) i figli fanno festa alle loro mamme in ricordo ed onore delle sacre parole dette da Ges Cristo, morente, a Maria : Mulier, ecce filius tuus , per le quali tutta l'umanit aveva' una madre nella gran Madre di Dio.

 

22.

 

 - Pe gl'Innucintini so' finite le feste e li quatrini.

 

23.

 

 - La Pasqua Bifania (Epifania) 'gni festa ce porta via; vne San Binidittu (21 marzo) ce ne porta un sacchittu; vne San Filicianu (il patrono di Foligno, che si festeggia il 24 gennaio) ce ne porta un saccu, sanu.

 

24.

 

 - Pe' l'Ascinzione no' scappa mancu l'uccellu da la ca (cova).

 

25.

 

 - Pe' Pasqua 'gni poveru rinnova la sua straccia; pe' Natale 'gni cenciu vale.

 

26.

 

 - De marzu o d'aprile, Pasqua non manca.

 

27.

 

 - Quanno senti Maria nnominare, fa' la vigilia e no' l'addimannare;
    quanno senti numin' Maria, non se dimanna se vigilia sia.

 

28.

 

 - A chi lascia l'ardare, l'aspetta 'l tribunale.

 Chi si allontana dalle vie di Dio, destinato a fare cattive azioni e a venire, talora, nelle mani della giustizia.

 <98>

 

Qui elongant se a te peribunt. (Salmo 72, 28)

 

29.

 

 - Chi non fa la vigilia de Natale. mre drento 'na fossa com'un cane.

 

30.

 

 - Natale co' li t, Pasqua do' te tri.

 

Pagina precedente                                       Pagina INDICE del volume                                           Pagina successiva

305


Associazione Pro Trevi - I-06039 TREVI (PG)
E-mail: protrevi@protrevi.com
© 1996-2017 by F. Spellani
Hosting: Explica s.r.l.
Aggiornamento: 22 aprile 2014.