Home - ProTrevi Appuntamenti Ricettività11 E-mail ProTrevi

ex Collegio Lucarini
Monumento ex Allievi caduti

Sull'onda lunga dei sacrifici, degli eroismi e della vittoria della prima guerra mondiale, nel 1925 fu eretto questo monumento agli ex allievi di Don Bosco, caduti nel conflitto.

"Aveva nel frattempo preso vita un comitato per l'erezione di un monumento agli ex allievi del Collegio Lucarini morti in guerra. Presiedeva il comitato l'ex allievo, medaglia d'argento Carlo Zappelli trevano, professore al liceo di Foligno (del quale sarà in seguito lungamente preside), consigliere comunale, presidente della locale Sezione dell'Associazione Combattenti. L'azione del comitato fu veramente incisiva, tanto che il 4 luglio dello stesso anno 1925 il monumento poté essere inaugurato con solenne cerimonia e larghissima partecipazione di autorità e di popolo, nonché di ex allievi convenuti da ogni parte.
Il monumento si compone di un'alta scogliera, in cima alla quale sostano due aquile in bronzo atteggiate  come al termine di un lungo volo. Una grande targa, pure in bronzo, mostra Don Bosco in mezzo ad uno stuolo di ragazzi; nella parte superiore della targa una croce e gli stemmi d'Italia e di Trevi; nel margine inferiore la scritta 'Dio e Patria'. Ai piedi della scogliera un fante, in bronzo, con bandiera, in atteggiamento di richiamo e di incitamento"

Trevi - Monumento agli ex allievi di Don Bosco caduti
Trevi - Monumento agli ex allievi di Don Bosco caduti -(Foto anni '30)

"Il monumento è opera dello scultore trevano, ex allievo del Lucarini, comm. prof. Renato Mancia, lo stesso che collaborò al monumento ai Caduti del Comune.
Renato Mancia, di solida base scientifica, si formò in gioventù alla scuola dei fratelli Riccardi, trevani, illustri antiquari. Deve la sua notorietà in campo nazionale anche come dirigente dei Laboratori di Ricerche  Scientifiche dell'Accademia Nazionale del Restauro, creati dallo stesso prof. Mancia, poi passati nel 1941 al Ministero dell'Educazione Nazionale. Ebbe i suoi primi laboratori ad Assisi e a Lugano. E' autore di diverse pubblicazioni sull'arte del restauro".
1

In due lapidi sono elencati, a perpetua memoria dei posteri, i nomi dei caduti.

Cap.no Loreto Starace di Castellammare di Stabia
Cap.no Nevi Raffaele da Montecastrilli
Ten.te   Marcelloni Alesssandro da Trevi
S. Ten.  Riccardi Augusto da Trevi
S. Ten.  Marrone Gregorio da Castel Ritaldi
S. Ten.  Gradassi Filippo da Campello
S. Ten.  Ciarletta Giuseppe da Scanno
S. Ten.  Lattanzi Carlo da Ripa Fognano Alto
Cap. Magg. Pagliochini Paolo da Trevi
Cap. Magg. Maggiolini Guglielmo da Trevi
Cap. Magg. Brunori Bruno da Campello
Sold.  Ferappi Celso da Foligno
Sold.  Menicucci Persi Marcello da Vitorchiano
Sold.  Di Giacomo Giuseppe da Trevi

Caduti del dovere

Cap.no Leopoldo Eleuteri, aviere
Serg. Magg. Elio Stemperini, aviere
Cap.no Antonio Drammis
S.Ten. Giorgio Pollera

E sul masso di base sono scolpite le parole

AI COMPAGNI CADUTI
PER UN' ITALIA PIU' GRANDE E PIU' PURA
GLI EX ALLIEVI DEL COLLEGIO LUCARINI
4 LUGLIO1925

 

All'atto dell'erezione del monumento c'era soltanto la prima lapide in travertino.
L'elenco inizia con il Capitano Loreto Starace di Castellammare di Stabia, che conferma come già dai primissimi anni della gestione dei Salesiani il Collegio Lucarini fosse noto e apprezzato ben oltre i confini regionali.
Loreto Starace fu un magnifico esempio di cattolico impegnato, come si direbbe oggi. Nella sua breve e intensissima vita a Napoli, in Francia, Inghilterra, Canada e Stati Uniti, si prodigò in innumerevoli opere di straordinario apostolato e di autentica carità cristiana. Scoppiata la Guerra Mondiale, partendo per il fronte dichiarò: "Vado a versare il mio sangue non solo per formare un'Italia più grande e più forte, ma specialmente perché divenga più nobile e più pura".
Frase che è sintetizzata sulla base del nostro monumento. In 50 giorni di guerra fu decorato con due medaglie d’argento e una di bronzo e fu promosso al grado di Capitano per meriti di guerra. "Il suo corpo riposa attualmente nel santuario del S. Cuore in Scanzano di Castellammare di Stabia, in attesa che venga elevato agli onori degli altari". (http://www.torreomnia.com/religione/loreto_starace/set_frame_starace%20.htm)

La seconda lapide, intitolata ai "caduti del dovere" fu eretta con altrettanto solenne cerimonia il 29 dicembre 1930. Commemora i militari caduti in tempo di pace e tra i primi vi figurano due avieri.
Il capitano Leopoldo Eleuteri, ingegnere, decorato con tre medaglie d’argento e con la Croce di guerra figurava nella gloriosa lista dei 42 Assi italiani. Morì il 19 gennaio 1926 a Furbara mentre collaudava un nuovo aereo.
http://www.theaerodrome.com/aces/italy/eleuteri.html

http://www.comune.castel-ritaldi.pg.it/MEDIACENTER/FE/CategoriaMedia.aspx?idc=178&explicit=SI

 

Serg. Magg. Elio Stemperini, medaglia di bronzo alla memoria, cadde il 27 novembre 1930 a Orbetello, durante un ordinario volo di esercitazione a bordo del glorioso idrovolante S55. Radiotelegrafista, era stato selezionato nella formazione degli equipaggi della prestigiosa crociera transatlantica di Balbo del 1932.

La statua bronzea dell’alfiere fu proditoriamente trafugata una notte d’estate del 2000. Recuperata dalle Forze dell’Ordine, restaurata dai guasti, è stata degnamente ricollocata al proprio posto con una solenne cerimonia il 4 maggio 2003.

 

Ex Allievi Salesiani

Le foto

Il Collegio

Personaggi

I convegni

Monumenti e lapidi dei caduti di Trevi

403


Associazione Pro Trevi - I-06039 TREVI (PG)
E-mail: protrevi@protrevi.com
© 1996-2017 by F. Spellani
Hosting: Explica s.r.l.
Aggiornamento: 22 aprile 2014.
 
Note
1
) Zenobi, Carlo, 1987, Storia di Trevi dal 1746 al 1946, Todi, Arquata, p. 353. Carlo Zenobi, avvocato, ex allievo del Collegio Lucarini, per lunghi anni segretario e animatore dell'Unione ex allievi di Trevi, è la memoria storica del XX secolo a Trevi.