Home - ProTrevi Appuntamenti Ricettività11 E-mail ProTrevi

Chiesa di San Francesco
Organo antico (1509)

VIDEO ON LINE

Già considerato "rarissimo esemplare superstite di quel tipo che nel Rinascimento veniva definito organo da muro" lo strumento fu commissionato dai frati di S. Francesco a mastro Paolo Pietro di Paolo di Montefalco, così come risulta dal rogito datato 22 settembre 1509 per mano del notaio Pompeo di ser Nicola di Montefalco.

Con tale atto mastro Pietro Paolo si obbligò a consegnare, prima del Natale "unum parum organorum" per il prezzo convenuto di 80 fiorini, sotto pena di 10 fiorini in caso di inadempienza. La pesante penalità ci  fa certi che il "paio d'organi" -cioè l'organo composto dal prospetto con canne di facciata e nel retro le canne di registri diversi - suonò per la prima volta nel Natale 1509. L'organo fu aggiustato una prima volta nel 1526; lo strumento così modificato fu preso in tale considerazione che il Comune stipendiò un organista dal 1528 al 1695..1

 

Trevi, Chiesa di S. Francesco, Organo antico
Trevi, Chiesa di S. Francesco, Organo antico
Foto Michelangelo Spadoni, 2005.

 

 

 

Nel corso del XVIII secolo subì nuovi interventi con rifacimento del somiere  con l'aggiunta della voce umana e della cornetta: l'intervento venne eseguito dalla famiglia Fedeli, organari marchigiani, molto attivi anche in Umbria. Tra la fine dell'Ottocento e gli inizi del Novecento l'organo fu ampliato per opera di Rodolfo Luna, il quale sostituì la tastiera, pedaliera, manticeria e basseria.

La cassa, appesa alla parete, ha il prospetto in legno intagliato dipinto a tempera ed è diviso in cinque campate: la maggiore al centro con il secondo ordine di canne morte sovrapposte alle due campate reali minori. I dipinti della cimasa raffigurano San Domenico e San Francesco, ai lati Santa Caterina da Siena e Santa Chiara. In alto l'Annunciazione. Nella cantoria sono allocati dieci comparti con tele su tavola raffiguranti dal fianco sinistro: San Didaco, Santa Chiara d'Assisi, San Bonaventura da Bagnoregio, Sant'Antonio da Padova, San Giuseppe, Sant'Emiliano, San Bernardino da Siena, Santa Maddalena, Santa Lucrezia e Santa Caterina d'Alessandria. Tutti i dipinti sono riferibili al XVII secolo.

Il nucleo più antico delle canne d'organo risale alla prima costruzione del 1509, come risulta dal contratto, edito da tempo, che ha contribuito alla fama di questo strumento ed è "il complesso di canne più antico esistente in Umbria ed uno dei più antichi in senso assoluto".

Si è rivelatonon solo interessante per le sue particolarità costruttive, ma anche notevolmente consistente in relazione sia alla sua antichità sia alle condizioni usuali nelle quali si presentano oggi gli strumenti coevi.

Come frequentemente succede, in simili casi, dal riordinamento delle canne risulta una fisionomia dello  strumento che non coincide più con le strutture posteriori (somiere, crivello, catenacciatura, ecc)

Poiché aspetto rilevante del restauro organario, accanto alla pura e semplice conservazione dei materiali, è quello del ripristino delle migliori condizioni di funzionalità delle canne stesse, si è profilata come obbligata la scelta della ricostruzione degli elementi strutturali in modo da riportare le canne in funzione delle canne stesse.

Lo strumento è stato quindi ripristinato secondo la disposizione riportata di seguito.

 

 

 

Scheda tecnica1

 

 

37 canne di facciata dal Do1 suddivise in cinque campate

Tastiera di 45 tasti

Pedaliera di 8 pedali (Do1 - Si1)

 

Registrazione:

Blocco di tiranti a manetta raggruppante i registri cinquecenteschi.

Principale

Ottava

Quintadecima

Decimanona

Vigesimaseconda

Vigesimasesta

Flauto in Ottava
 

Blocco di tiranti a pomello raggruppante i registri Sei-Settecenteschi.

Voce umana Fedeli

Cornetta Fedeli

Flasuto in Duodecima Sec.XVII

Somiere a Tiro

Crivello in "arbuccio"

due mantici a cuneo con azionamento manuale (forniti anche di elettroventilatore)

Corista 440 Hz

Temperamento del Tono Medio

 

Trevi, Chiesa di S. Francesco, Organo antico, particolare
Trevi, Chiesa di S. Francesco, Organo antico, particolare.
Foto Michelangelo Spadoni, 2005.

 

Il restauro/ripristino secondo le linee indicate ha reso possibile anche in Umbria la disponibilità di uno strumento idoneo per l'esecuzione e lo studio della mirabile letteratura organistica classica italiana, testimonianze dalla quale  sopravvivono anche nella regione: il manoscritto di Santa Maria Maggiore di Spello, quello della Biblioteca del Sacro Convento di Assisi e, soprattutto, la figura di Girolamo Diruta autore del testo didattico basilare a cavallo del Cinque e Seicento.
 

Oscar Mischiati e Andrea Pinchi

 

VIDEO ON LINE

Ritorna alla pagina Chiesa di s. Francesco                                    Ritorna alla pagina indice

056


Associazione Pro Trevi - I-06039 TREVI (PG)
E-mail: protrevi@protrevi.com
© 1996-2017 by F. Spellani
Hosting: Explica s.r.l.
Aggiornamento: 15 aprile 2016.
 
Note
1) Il testo è stato integralmente ripreso da: Petrini - Bordoni, La chiesa di S. Francesco a Trevi, Era Nuova, Perugia, 2005, pagg. 46-50.