Home - ProTrevi Appuntamenti Ricettività11 E-mail ProTrevi

L'Olivo - Tradizione e storia
5 - Rinascimento

Prodotti tipici

Origini

Epoca romana

Medioevo

Documenti locali

Rinascimento

Età moderna

situazione attuale

Alla fine del Quattrocento erano aumentate di molto "le chiuse delli ulivi", tanto che il Comune aveva organizzato per la molitura i molini sul Clitunno alla Faustana.

Nel Cinquecento più volte il governo centrale ha esercitato pressioni su Trevi perché l'olio prodotto venisse inviato esclusivamente verso Roma, mentre i trevani preferivano esportarlo verso le Marche.

L'olio di Trevi acquistò una rinomanza sempre maggiore e solo oggi possiamo capirne appieno i motivi. L'alto contenuto in polifenoli dovuto alla varietà di olivo "Moraiolo", diffusissimo nella zona, ritarda l'ossidazione (irrancidimento) dell'olio causata dai maltrattamenti inflitti a questo prezioso prodotto. Le pessime condizioni igieniche insite nel metodo di spremitura e l'uso di otri ("pelli") per il trasporto a soma, causavano un rapido degrado del prodotto ed al gusto era ovviamente considerato migliore quell'olio che degradava meno rapidamente.

(Solo in questi ultimi anni è stato vivamente raccomandato l'uso di macchine e contenitori in acciaio inox - perfettamente lavabile oltre che chimicamente inattaccabile - per conservare le salutari caratteristiche del prodotto. Da un punto di vista batteriologico, l'olio di oliva è asettico, non permettendo la vita e la proliferazione batterica)

Numerosi provvedimenti, fino a tutto il 19° secolo hanno incoraggiato la piantagione di nuovi oliveti che si sono spinti a quote sempre maggiori fino a 600 m s.l.m.

 

Ritorna alla pagina indice

602


Associazione Pro Trevi - I-06039 TREVI (PG)
E-mail: protrevi@protrevi.com
© 1996-2017 by F. Spellani
Hosting: Explica s.r.l.
Aggiornamento: 15 aprile 2016.