.
Home - ProTrevi Appuntamenti Ricettività11 E-mail ProTrevi

Proverbi Umbri raccolti da Oreste Grifoni

54-    VARI   (pagg. 157-164 )

 

Pagina precedente                                       Pagina INDICE del volume                                          Pagina successiva

Nota:Tra parentesi acute < > riportato il numero della pagina.

 

1.

 

 - Lu munnu bellu perch varia.

Abruz.

 

 - Lu munnu bbellu, perch so' bbarie le cer velle.

 

2.

 

 - Chi ha fattu lu munnu l'ha saputu fane.

 

3.

 

 - Un po' pirunu 'nfa male a niciunu.

 

4.

 

 - 'Gni simile ama il su' simile.

Lat.

 

 - Similis simile gaudet.

Franc.

 

 -  Qui se resemble, s'assemble.

<158>

 

 

5.

 

 - Pe f' pie e pe' cac', non occorre Dio prec'.

 Pel conseguimento di cose che devono accadere naturalmente, non d'uopo darsi attorno.

 

6.

 

 - Chi prteca in Turchia se sciupa lu sermone;

    chi lava 'l capu all'asinu se sciupa lu sapone.

 

7.

 

 - Come se sona se balla.

 

8.

 

 - Do' non so' visto, non so' nnuminatu.

 

9.

 

 - Chi fa lu cuntu senza l'oste, lo fa du' vorde.

Franc.

 

 - Qui compte sans son hte, compte deux fois.

 

10.

 

 - Pigna che bolle, lu gattu 'nce ficca lu muso.

Ven.

 

 - A pignata che boge, la gata non va vicin.

 

 

   Chi accorto non si avvicina al luogo, dov' del subbuglio e pu temer danno dall'ira altrui.

 

11.

 

 - La buca ben composta a virit s'accosta.

 

12.

 

 - 'Gni cargiu spigne 'nnanzi.

 

13.

 

 - A tola 'nse 'mmecchia mai.

Franc.

 

 - On ne vieillit pas table.

 

14.

 

 - Chi non magna l'ajittu del terrenu,

   magna quillo d'amor ch' pi velenu.

 

15.

 

 - A chi stima non dle lu corpu.

 

 

   La persona che fa la stima, con facilit, si tiene alta nella valutazione, perch non poi lui che deve fare l'acquisto.

 

16.

 

 - Pi smo e pi belli comparmo.

 

 

  Per mostrare che si gradisce la compagnia numerosa.

 

17.

 

 - Se me dici putta, non me 'jiuri tutta, se me dici latra, guasti me e 'l mio parentato.

<159>

 

 

18.

 

 - Dopo lu tempu cattiu quillu bonu.

Lat.

 

 - Post nubila Phoebus.

Franc.

 

 - Aprs la pluie, le beau temps.

 

19.

 

 - Lu servaticu quanno ve lu tempu cattiu, s'arilegra.

 

 

Forse perch pu compiere meglio i suoi misfatti.

 

20.

 

 - -Chi tardi arra, male alloggia.

Lat.

 

 - Sero venientibus os.

Franc.

 

 - Qui arrive tard, loge mal.

 

21.

 

 - Chi v' prov' le, pene dell' infernu, l'istate li lupi e l'aquile d'immernu.

 

22.

 

 - Caccime l'occhi e pu' armittimili ; - e

 

 

- Tajame lu, capo e pu' fammece la chiarata.

 

 

Un complimento, dopo un'offesa grave, non adeguata riparazione dell'offesa patita e non la fa dimenticare.

 

23

 

 - Chi non prezza (i buoni principi) tuttu il munnu lercia (sporca).

 Lercia viene forse da hirchus, animale immondo.

 

24.

 

 - Tuttu tantu.

 

 

  Si guadagna tanto e non pi in qualsiasi industria e commercio.

 

25.

 

 - 'Gni arbiru s'arcopre co' le su' fronne.

 

 

  Ognuno fa uso dei mezzi di cui dispone per ricoprire le sue mancanze.

 

26.

 

 - Chi 'nse sa difenne se condanna.

 

27.

 

 - Chi cresce malalleatu, s'artra marcreatu.

<160>

 

 

28.

 

 - Chi ammazza, ammazza solu e chi ruba, ruba in pi.

 

29.

 

 - Venga tardi e venga bene.

 

30.

 

. - Lu conillu, quanno lu vai acchiapp' 'bbassa le 'recchie, quanno arzi la manu e nu' lo tocchi, sarda che pare 'n furmine.

 

 

  Il coniglio la figura dell'uomo vile, che, quando si trova dinnanzi ad un pericolo, non ha il coraggio di alzare una mano; fa poi il gradasso quando il pericolo passato.

 

31.

 

 - Lu lupu se 'nfrasca tante vorde tra lu brancu, fin'a tantu che ciarmane ammazzatu.

 

32

 

 - Se te vesti de lana o de villutu, hai sempre l'aria de villanu futtutu.

 

 

  Anche un abito di un certo lusso non nasconde il fare e l'aria di una persona volgare.

33.

 

 - Gallu che canta troppo, dell'ora non conta un toccu.

 

 

  Chi si d troppo allo spasso non pu disporre bene del tempo.

 

34.

 

 - 'Gnunu renne (rende) cuntu de l'azioni sia. Le azioni sono personali.

 

35.

 

 - Chi fa, per issu fa.

 

 

  Le azioni riescono principalmente a vantaggio e svantaggio di chi le fa.

 

36.

 

 - Se le cose se putissero fa' du' 'orde (volte) 'nse sbajara mai.

 

37.

 

 - Li confetti n'so fatti pe' l'asini.

 

 

  Le persone stupide non sono in grado di apprezzare le cose _di pregio.

<161>

 

 

Abruz.

 

 - A chi non piace' lu bbone fiju d'asine.

38.

 

 - meju un mucculu davanti che 'na torcia dereto.

 

 

meglio una cosa piccola, rispondente ai nostri bisogni, che una grande la quale non sia di grande utilit.

 

39.

 

 - Chi ci lu comidu e 'nse ne serve, non tra confessore che l'assorva.

 

40.

 

 - Lu pane frescu ogni cortellu tu taja.

 Le cose facili le sanno far tutti.

41.

 

 - Dittu, pe' dittu, 'nse 'mpicca niciuno

 

 

L'accusa di grave addebito, propalata in base alla voce pubblica, non compromette, giuridicamente, chi l'ha ripetuta.

 

42.

 

 - Davanti bellu, bellinu; dereto lu strascinu (la cruda maldicenza).

 

 

Il mondo falso e ingannatore: davanti ci tributa lodi lusinghiere e alle spalle dice brutte cose sul nostro conto.

 

43.

 

 - Chi se mette a induvin' se mette a crep'.

 

44.

 

 - Ne li barattuli picculi sta la roba bona.

 

45.

 

 - Paesi picculi e scannali granni.

 

 

Nei paesi piccoli, dove non c' materia sufficiente per passare il tempo, si approfitta anche di un piccolo scandalo per ingrandirlo con ampie e cervellotiche appendici.

 

46.

 

 - Lu fiottu libiru.

 

<162>

 

Si dice di coloro che, pur essendo -in buone condizioni finanziarie, continuamente si lagnano - e sono liberi di farlo - per ingannare gli altri sul proprio essere.

 

47.

 

 - L'urdimo stenta o gode.

 Secondoch sono stati o no discreti i primi.

 

48.

 

 - Li minchiuni l'ha cotti lu friddu.

 Vuol dire che non ci sono sciocchi. Lo auguriamo.

 

49.

 

 - Donatu mortu e lu fiju ha da mur.

   Sono le parole di velato diniego a chi pretende dei doni.

 

50.

 

 - Promette e manten' non vonno mai bene.

Lat.

 

 - Aliud est facere, aliud est dicere.

Franc.

 

 - Promettre et tenr sont deux.

 

51.

 

 - Lu latru ha pi pra (paura) de la chie de legnu (piccolo palo con cui si serra .di . dentro l'uscio di casa) che de quella de ferru.

 

52.

 

 - Chi non capisce a prima voce, segnu che lu discurso no' je piace.

 

 

Noluit intelligere ut bene ageret.   (Salmo 35)

Abruz.

 

 - Quande l'ome non sente a prima voce, segne ca lu discorse ne je piace.

 

53.

 

 - Dieci ne pensa lu sorce e centu lu gattu.

 

54.

 

 - Li cunti ne la saccoccia de l'antri se fo' male.

 

55.

 

 - Chi s'accusa senza dimanna, se stessu 'nganna.

Lat.

 

 - Excusatio non petita, accusatio manifesta.

Franc.

 

 - Qui s'excuse, s'accuse.

<163>

 

 

56.

 

 - 'Ns'affoga chi casca in acqua, ma chi male 'ncappa.

 

 

Non un pericolo ordinario che compromette di certo la nostra esistenza, ma quello insidiosamente preparato.

 

57.

 

 - Col tempo e co' la paja se maturano le nespole, le sorve e la canaja. 

  comunissimo in Italia.

Franc.

 

 - Avee le temps et la paille les nples murissent.

 

 

Le sorbe immature, poste nella paglia, dopo qualche tempo arrivano a maturit. Parimenti certi esseri riottosi e refrattari ad ogni legge di educazione, possono ridursi, col tempo. ad una sana morale, a condizioni normali di vita civile, se per essi si far uso della paglia della prudenza e della pazienza.

 

58.

 

 - Fa pi uno a smucchi', che centu a 'mmucchi'.

 

59.

 

 - Pocu pe' vorda se va a Roma.

Franc.

 

 - Pas pas on va loin.

 

60

 

 - Pe' la scesa rotolano anche le zucche.

 

61.

 

 - 'Gni viculu porta in piazza; - e

 - 'Gni stre porta a Roma.

 

62.

 

 - L'erba non nasce su la stre maestra.

 

 

  Chi va per la strada frequentata non deve temere di nulla. Ha senso proprio e figurato.

Franc.

 

 - A' chemin battu il ne croit point d'herbe; - e

 

 

- Il n'y a rien de si sur que toujours suivre le chemin battu.

 

63.

 

 - Chi 'nsa rode, 'nsa rade.

Chi non sa vincere o nascondere il proprio sdegno non riesce, talora, a raggiungere quei buoni scopi che si propone.

<164>

 

 

65.

 

 - La pigna scuperchiata non bolle pe' 'na giornata; quanno che l'hai cuperta, pija (comincia) a ,bolle' lesta lesta.

 

66.

 

 - Occhiu non vede e core non dle.

Questo nostro proverbio traduce alla lettera quello riferito da SAN BERNARDO (Sermo secundo de Festa Omnium Santorum): Quod non videt oculus cor non dolet.

 

Pagina precedente                                       Pagina INDICE del volume                                          Pagina successiva

305


Associazione Pro Trevi - I-06039 TREVI (PG)
E-mail: protrevi@protrevi.com
© 1996-2017 by F. Spellani
Hosting: Explica s.r.l.
Aggiornamento: 02 novembre 2014.