Home - ProTrevi Appuntamenti Ricettività11 E-mail ProTrevi

Proverbi Umbri raccolti da Oreste Grifoni

53-  SENTENZE    (pagg. 155-157 )

 

Pagina precedente                                       Pagina INDICE del volume                                          Pagina successiva

 

Nota: Tra parentesi acute < > riportato il numero della pagina.

 

1.

 

 - 'Nc' surdu pi duru de chi non v' sint'.

Lat.

 

 - Deterior surdus eo nullus, qui renuit audire.

Franc.

 

 - Il n'est pire surd que celui qui ne veut pas entendre.

 

2.

 

 - Chi se vanta cucuzza.

 

3.

 

 - meju d'esse' curnutu che male intisu (inteso).

 

4.

 

 - Chi tutto nega, tutta confessa.

 

5.

 

 - Chi 'nte vle, 'nte merita.

 

6.

 

 - Tala e bicchiere tradisce in pi maniere.

 

7.

 

 - Li compagnacci, so' peggiu de le mosche.

 

8.

 

 - Tuttu lu munnu paese; - e

 - 'Gni paese somiglia all'antru.

 Eadem omnium civitatum est natura. (CORN. NEP.: Milziade)

 

9.

 

 - Vale pi 'na faccia tosta ch'un casale.

 

10.

 

 - meju faccia roscia che trippa moscia.

 

11.

 

 - Stre bona 'nfu mai lunga.

<156>

 

 

12.

 

 - 'Nso uguale tutte le deta, mancu tutte le persone.

 

13.

 

 - La gatta presciolosa fece li fiji cechi.

Tosc.

 

 - Presto e bene raro avviene.

Franc.

 

 - Vite e ben ne s'accordent pas.

 

14.

 

 - Chi n' bonu pe' s, mancu pe' l'antri.

  Qui sibi nequam est, cui alii bonut erit?  (SALOMONE: Ecclesiaste)

 

15.

 

 - meju un ladro che 'na spia.

 

16.

 

 - meju 'na cosa fatta che dieci da fa'.

 

17.

 

 - Dio te sarvi da lampi e da toni e da li tristi che fanno li bni.

 

18.

 

 - Ome de vinu non vale un quatrinu.

 

19.

 

 - Chi ha baiocchi fabbrica, chi non l'ha disegna.

 

20.

 

 - Non tutti li contadini st' a zapp la terra.

 

21.

 

 - Piscia chiaru e fa le fiche a lu medicu.

Tosc.

 

 - Piscia chiaro e abbi in tasca il medico.

 

22.

 

 - La roba nn de chi la fa, ma de chi se la gode.

  Thesaurizat et ignorat cui congregabit erat. (Salmo 38)

Lat.

 

 - Alii sementem faciunt, alii metunt.

 

23.

 

 - De gente che 'nse vergogna non me ne legge sentenza.

 

24.

 

 - Quanno so' tanti galli a cant' 'nse fa mai giornu.

 

25.

 

 - Omu sollecito non mai poviru.

 

26.

 

 - 'N' duru l'aspett' quann' sicuru.

<157>

 

 

27.

 

 - Chi lascia la citt p'ann' in castellu, o mattu tuttu o privu de cervellu.

 

28.

 

 - Tantu trenta che trintuno.

 Per accennare a piccola differenza che non pu alterare gran che il valore di- una cosa.

 

29.

 

 - Tristu chi ha bisugnu dell'antri !

 

30.

 

 - Tristu chi 'nci niciunu!

 Si unus ceciderit, ab altero fulcietur; vae soli! quia cum ceciderit, non habet sublevantem se.           (SALOMONE: Ecclesiaste)

 

31.

 

 - Tristu quillu sorcie che ci un mmuciu solu !

 

 

In senso traslato: Infelice colui che ha una sola via di salvezza! Dovr molto probabilmente perire. (Moltissime sono le sentenze che entrano nella mia raccolta, ma mi dispenso dal riunirle tutte in questa silloge, perch con facilit si rinvengono nelle altre.)

 

Pagina precedente                                       Pagina INDICE del volume                                          Pagina successiva

305


Associazione Pro Trevi - I-06039 TREVI (PG)
E-mail: protrevi@protrevi.com
© 1996-2017 by F. Spellani
Hosting: Explica s.r.l.
Aggiornamento: 22 aprile 2014.