Home - ProTrevi Appuntamenti Ricettività11 E-mail ProTrevi

Proverbi Umbri raccolti da Oreste Grifoni

50-   ANIMALI - CACCIA - PASSAGGIO DI VOLATILI   (pagg. 147- 152 )

 

Pagina precedente                                       Pagina INDICE del volume                                          Pagina successiva

Nota: Tra parentesi acute < > riportato il numero della pagina.

 

1.

 

 - Porcu schifu (che mangia poco di tutto) mai se 'ngrassa.

 

2.

 

 - Porco pilusu, grassu nascuciu.

 

3.

 

 - Porcu de macchia, 'gni lengua lo vanta.

<148>

 

 

4.

 

 - Porcu niru, bel pilu, pocu lardu mena (porta)

 

5.

 

 - Chi vle lu porcu grassu, l'istate se lu faccia.

 

6.

 

 - Contame le spese, non me cont, li mesi.

 Il maiale avverte il padrone che, per il suo sviluppo, si deve tener conto dell' alimentazione che gli si d, e non dei mesi che per esso passano.

Tosc.

 

 - Dice il porco : dammi, dammi, n mi contar mesi, n anni.

 

7.

 

 - L'uccellu come vola e lu porcu come cammina.

 Il movimento dello spiedo deve essere rapido per gli uccelli, lento per la carne di maiale.

 

8.

 

 - Pecora tosata disprezzata.

 

9.

 

 - Pecora che bela perde 'l boccone.

Franc.

 

 - Brebis qui ble perd sa .goule.

Spagn.

 

 - Oveja que bela, bocado pierde.

 

10.

 

 - La pecora ci lu c... d'oru e la bocca d' infernu.

 Produce eccellente concime, ma il suo dente dannoso alle piante.

Ven.

 

 - La pegora xe benedeta nel culu e maledetta nella boca.

 

11.

 

 - Chi alla non fa caciu.

 

12.

 

 - La morte delle pecore la salute de li cani.

 Senso proprio e figurato.

 

13.

 

 - Se lu crastatu c'sse (ci avesse) l'ale' 'nce saria animale che lo passasse.

 Le sue carni sono molto apprezzate.

 

14.

 

 - Mai catena fece buon cane.

 Senso proprio e figurato.

<149>

 

 

15.

 

 - Le carezze de lu padrone la consolazione de li cani.

16.

 

 - Cane non magna cane.

In senso figurato vuol dire che i birbanti tra di loro non si tradiscono.

Lat.

 

 - Canis caninam non est mordere pellem. (VARRONE : VII-37)

Spagn.

 

 - Un lobo a otro no se muerden.

 

17.

 

 - Cane c'abbaia non pija lepre.

 

18.

 

 - Cane c'abbaia non mozzica mai.

Franc.

 

 - Chien qui abboie ne mord pas.

 

19.

 

 - Cane de contadinu abbaia da lontanu, no' da vicinu.

 

20.

 

 - Quannu 'l cane abbaia lu ladru vicinu.

 

21.

 

 - Un passu fa lu cane e un andru la lepre.

 

22.

 

 - Lu troppu durm fa 'mmecchi' [invecchiare] lu cane.

 Non solo i cani, ma anche gli uomini.

23.

 

 - Quanno l'oca (?) va a montagna, pija la vanga e vanga;

  - Quanno l'oca (?) va a maremma, pija l'accetta e fa' le legna.

 

24.

 

 - Morta la bestia, spento lu veleno.

Franc.

 

 - Morte le bte, morte le venin.

 

25.

 

 - Dio te sarvi da la vipera de montagna e da la tarantola de maremma.

 

26.

 

 - S'avissi (la suscengola) l'occhi come mia sorella (la vipera) farlo casc' l'ome da la sella.

 

27.

 

 - La bna greppia fa la bna bestia.

<150>

 

 

28.

 

 - 'Gni gattu lungu 'n bracciu.

 

29.

 

 - Quanno lu gattu dorme, lu sorce balla; - e

 - Gattu dorme e sorce balla.

Franc.

 

 - Quand le chat n'y est pas, les souris dansent sur la table.

 

30.

 

 - Gattu rinchiusu 'ddiventa lione.

 

31.

 

 - Chi non ama cani e gatti, non fa bene i suoi fatti.

 

32.

 

 - Trottu d'asinu pocu dura.

Franc.

 

 - Trotte d'ne dure peu.

 

33.

 

 - L'asinu do' casca 'na vorda, 'nce casca pi.

 

34.

 

 - Mulu ch'aspetta non casca in fretta.

  Senso proprio e figurato.

 

35.

 

 - Asinu e mulu carica a c...

 

36.

 

 - 'Gni cavallu stucca la su' capezza.

 

37.

 

 - Cavallu de maggiu e be d'agustu.

 

38.

 

 - Co' cavalli tristi e bni, porta sempre li speroni.

 

39.

 

 - Gallina vecchia fa bn brodu.

 

40.

 

 - Gallina che non ruspa ha ruspatu.

[Gallina che non becca segno che ha beccato]

 

41.

 

 - Annu nu, 'gni callina feta l'u; - e

 - Annu nu, 'gni callina feta un u, ma se l'u n'ha fetatu lu collu je'sia tiratu.

 

42.

 

 - La callina feta da lu pizzu.

 Dev'essere ben nutrita, perch dia il frutto desiderato.

Abruz.

 

 - La galline fete da lu picche.

Franc.

 

 - Les poules pondent par le bec.

<151>

 

 

43.

 

 - La callina che feta e canta, d'ova ne porta centocinquanta.

 

44.

 

 - La callina che non feta, fa du' ova e po' se sfeta.

 

45.

 

 - Do' so' corvi so' carogne.

 

46.

 

 - Quattordici ne fa la capinera, sette ne lascia, sette ne mena.

 

47.

 

 - La razza de li fringuelli, birbi li padri, birbi li celli (uccelli).

 

48.

 

 - A la guaia (e alla merla) j noce la lengua.

 

49.

 

 - La merla terraiola quann' marzu pone l'a.

50.

 

 - Lu furmicone quannu vo' ji al diavulu mette l'ale.

  Quando l'uomo vuol correre alla rovina sa trovare tutte le strade.

 

51.

 

 - Le bestie 'nse confessono mae.

  Sono capaci di dolorose sorprese, anche se ben trattate e mostrano affezione al padrone.

 

52.

 

 - Desse la tenca (tinca) a lu luccio:vale pi 'l mio capo che 'l tuo fusto . Vanne, o tenca de pantanu, che fai muri' l'ome quann' sanu .

 

53.

 

 - Quannu tira lu venticellu 'nse chiappa lu pesciarellu.

 

54.

 

 - Quannu pie e tira vientu se vai a caccia pierdi tiempu.

 

55.

 

 - Co' lu tiempu cattu l'anguilla camina.

 

56.

 

 - Chi va a caccia senza cani torna a casa senza lepri. (Lago Trasimeno).

<152>

 

 

57.

 

 - Chi due lepri caccia, l'uno non pija e l'andru lascia. (Idem)

Franc.

 

 - Qui court deux livres, n'en prend aucune.

 

58.

 

 - Guai a quill'uccellu che passa tra Fulignu e Spiellu.

 

59.

 

 - De S. Brunone (6 ottobre) passu' le palummone.

 

60.

 

 - Pe' S. Luca (18 ottobre) ogni uccellu sbuca.

 

61.

 

 - A lu ventun de marzu, San Binidittu, tutte le rondini sotto lu tittu.

 

Pagina precedente                                       Pagina INDICE del volume                                          Pagina successiva

305


Associazione Pro Trevi - I-06039 TREVI (PG)
E-mail: protrevi@protrevi.com
© 1996-2017 by F. Spellani
Hosting: Explica s.r.l.
Aggiornamento: 22 aprile 2014.