Home - ProTrevi Appuntamenti Ricettività11 E-mail ProTrevi

Proverbi Umbri raccolti da Oreste Grifoni

46-    MESI - STAGIONI - GIORNI DI OSSERVAZIONE  (pagg. 135- 139)

 

Pagina precedente                                       Pagina INDICE del volume                                          Pagina successiva

Nota: Tra parentesi acute < > riportato il numero della pagina.

 

1.

 

 - Gennaru, sputa l'acquaru.

Ha abbondanza di pioggie.

 

2.

 

 - Gennaru fa lu peccatu e marzu lu condannatu.

spiegato dal proverbio che segue.

 

3.

 

 - Se gennaru non genneggia e febbraru non febbreggia, marzu male fa, male pensa.

 

4.

 

 - Gennaru, gattaru.

 

5.

 

 - Dio te sarvi da la porvere de gennaru e da le moje (fanghiglia) de marzu.

 

6.

 

 - Gennaru siccu, villanu riccu.

Abruz.

 

 - Jennare sicche, massare ricche.

 

7.

 

 - Se gira la mosca lu gennaru, tieni forte lu pajaru.

 

8.

 

 - Se gennaru mette erbe, chi ha granu se lu serbe.

Lat.

 

 - Si herbescit januarius conde triticunm.

 

9.

 

 - L'acqua de febbraru arrempe ln granaru.

Sic.

 

 - Acqua di frivaru inchi lu granaru.

 

10.

 

 - Marzu mollu, granu folle.

Tosc

 

 - Marzo molle, gran per le zolle.

<136>

 

 

11.

 

 - Marzu mollu, ceci pe' le donne.

 

12.

 

 - Marzu non fa moje, se febbraru non l'appoje.

 

13.

 

 - Se marzu pazzeggia, aprile verdeggia.

 

14.

 

 - Se marzo non pazzeggia, giugno non festeggia.

 

15.

 

 - Marz, va scarzu 'l villanacciu ; aprile lu villanu e lu civile; maggiu, 'gni cazzacciu.

 

16.

 

 - Marzu, lu giornu e la notte se la battu.

 

17.

 

 - Aprile mollo, lo grano fa 'l gioju.

 

18.

 

 - D'aprile, tre goccie al dine (giorno).

 

19.

 

 - L'acquazzone d'aprile arrempe lu barile.

 

20.

 

 - D'aprile mre la pecora nel covile.

 

21.

 

 - Se la vite fiurisce d'aprile, no sper d'arrimp' lu barile.

 

22.

 

 - Marzi d'aprile, olio a barile;

   marzi de maggiu, oliu p'assaggiu;

   marzi de giugnu, non ci ogni (ungi) lu grugnu.

 

23.

 

 - Se fiurisce de maggiu, vacce col carriaggiu, se fiurisce de giugnu vacce. co lu pugnu.

 

24.

 

 - Maggiu ortulanu, molta paja, pocu granu.

 

25.

 

 - Maggiu asciuttu, pan per tuttu.

 

26.

 

 - Maggiu frescu e giugnu chiaru, poca paja e assai granu.

 

27.

 

 - Maggiu friscu e casa calla (pel fuoco) pocu granu e assai paja.

 

28.

 

 - Maggiu friddu fa piagne chi ha terra; maggiu callu la miseria atterra.

 

29.

 

 - Maggiu callu t'arricchisce, maggiu friscu impoverisce.

<137>

 

 

30.

 

 - Natu (il grano), non natu, pe' maggiu spuntatu.

 

31.

 

 - Co' 'n bel giugno asciuttu s'arrempe 'l granaru.

 

32.

 

 - Un'acquata tra maggiu e giugnu vale-tuttu l'oru de la munnu.

 

33.

 

 - Se pe' maju n'ha putu (piovuto) tuttu giugnu 'n diluviu.

 

34.

 

 - L'acqua de giugnu mancu pel grugnu.

 

35.

 

 - meju la morte, che de giugnu l'acqua la notte.

 

36.

 

 - 'N c' maggiu -senza spica, 'n c' giugnu senza meta (barcone).

 

37.

 

 - Se pe' luju se mete, quann' agustu tuttu seme.

 

38.

 

 - Quannu pie d'agustu, pie mle e pie mustu.

 L'acqua d'agosto fa bene ai fiori, che dovran dare polline alle api, e ai grappoli della vite.

 

39.

 

 - Agusto atterra, settembre sotterra.

 

40.

 

 - De settembre, quanno ch' fatta l'a, il ficu penne.

 

41.

 

 - Settembre beato! d' vai, sta 'pparecchiatu; - e

 - De settembre se magna e nun se spenne; - e

 - Settembre, mese cortese, anche li cespuj f'. le spese.

 

42.

 

 - L'ottobre come un mattu, niciunu n'ha vulutu mai 'l ritrattu.

 

43.

 

 - Novembre adurnatu, ci la festa da piedi e da capu.

   Il 1 novembre la-festa di tutti i Santi, il 30 di S. Andrea.

 

44.

 

 - Quanno la ne s'immerna (passa molto tempo dell'inverno) in pianu, vale pi lu saccu che lu 'ranu (grano).

<138>

 

 

45.

 

 - Quanno la ne alta un mattone, lu 'ranu va' un testone (L. 150).

 

46.

 

 - Quannu l' acqua, affonna, lu bene abbona.

 

47.

 

 - Natale senza luna, poche fe o niuna.

 

48.

 

 - Annu fungaru, annu tribulatu.

 

49.

 

 - Annu purgiaru, annu granaru.

 

50.

 

 - Guai a quill'annu che l'uccellu non fa dannu.

 

51.

 

 - Ulja co' vinu non combina.

   Ben di rado una stagione ricca di uva seguita da un'altra, egualmente ricca, di olive.

 

52.

 

 - Se non pie pe' S. Filicianu (patr. di Foligno, 24 gennaio) costa pi lu saccu'che lu 'ranu.

 

53.

 

 - S. Felicianu: va' sul monte e guarda il pianu: se lu pianu rinverdeggia, lu granu non pareggia (non sar pari al bisogno).

 

54.

 

 - S. Costanzo (30 gennaio), for de le mura, pe' ved' la su' verzura;

   S. Andrea, for de li tetti, pe' ved' le su' bellezze.

 

55

 

 - Se pie l'Ascinsione, (il grano) perde 'na spica 'gni cantone.

[Se pioe per l'Ascinzione 'na spica 'gni cantone (soltanto una spiga per ogni settore del campo)]

 

56.

 

 - Parma asciutta, gregna 'nfussa (bagnata), parma 'nfussa, gregna asciutta.

 Se non. piove la domenica delle Palme, il periodo che precede la mietitura ha piogge opportune per la stagione del grano; la stagione va poi diversamente se dovesse piovere nel detto giorno.

<139>

 

 

57.

 

 - Quannu pie pe' S. Filippo (26 maggio), lu purittu n'ha bisugnu de lu riccu.

 

58.

 

 - Pe' S. Juanni (24 giugno) taja le gamme al granu ; - e

 - S. Juanni, pija la fargia e vanni.

 

59.

 

 - Pe' S. Pietri, pija la fargia e dagli dietri; - e

 - Pe' S. Pietri, pija la fargia e mieti.

 

60.

 

 - Pe' S. Martinu (11 nov.) sali al monte e guarda il pianu:

   se lu pianu fa virdura, spera poca arcoijtura.

 

61.

 

 - S. Martinu, sta meju lu granu al campu che al mulinu.

 

Pagina precedente                                       Pagina INDICE del volume                                          Pagina successiva

305


Associazione Pro Trevi - I-06039 TREVI (PG)
E-mail: protrevi@protrevi.com
© 1996-2017 by F. Spellani
Hosting: Explica s.r.l.
Aggiornamento: 22 aprile 2014.