Home - ProTrevi Appuntamenti Ricettività11 E-mail ProTrevi

Proverbi Umbri raccolti da Oreste Grifoni

23 - VITA - SALUTE - PRINCIPI IGIENICI E DIETETICI (pagg. 81-84)

Pagina precedente                                       Pagina INDICE del volume                                           Pagina successiva

 

Nota: Tra parentesi acute < > è riportato il numero della pagina.

 

1.

 

 - La vita è un lampu; - è
 - La vita è un sugnu.

 

2.

 

 - La pelle preme a tutti.

 

3.

 

 - La salute de la giovinetta, piede callu e manu fresca.

 

4.

 

 - Chi ha salute e sanità è riccu e no' lo sa.

<82>

 

 

5.

 

  - La salute 'nse crompa 'n piazza.

 

6.

 

 - La poca fatica è la salute dell'omu.

 

7.

 

 - Chi non conserva la salute piagne in vecchiaia.

 

8.

 

 - La salute è vona anche tre giorni dopo mortu.

 

9.

 

 - Testa e piedi finché c'è vita, cervellu e occhi fino alla morte.

 

10.

 

 - Piscia chiaru e magna forte e non timisci un cavulu la morte.

 

11.

 

 - È meju un asinu viu ch'un dottore mortu.

Lat.

 

 - Melior est canis vivus leone mortuo.

 

12.

 

 - È meju sudà' che tremà'.

Franc.

 

 - Il vaut mieux suer que trembler.

 

13.

 

 - Fatte ammazzà' da chi te sa ammazzà'.

 Affidati ad un medico o ad un chirurgo di vaglia.

 

14.

 

 - Co' lu callu se nasce, co' lu friddu se more.

 

15.

 

 - Lu bonu magnà' smôe le ganasce e fa 'ngrassà'.

Franc.

 

 - Nourriture passe_ nature.

 

16.

 

 - Omu drittu magna pocu, omu-c... magna gnente.

 

17.

 

 - L'amaru tienlu caru.

Lat.

 

  - Amarum.sanum.

 

18.

 

 - Quillu che se magna con gustu 'n faa mai male.

 

19.

 

 - Non fa male quello che entra pe' la bocca, ma quello che scappa.

 

20.

 

 - Lo magnà' pocu fa male all'omu, lo magnà troppu fa male al corpu.

 

21.

 

 - Co' pocu se campa, co' gniente se more.

<83>

 

 

22.

 

 - Pocu cibu e niente affannu sanità al corpu dànno.

 

23.

 

 - Chi magna l'aju e la cipolla forte, non ha pôra un cornu de la morte.

 

24.

 

 - Chi a lettu co' la sete se ne và, la matina s'arrizza in sanità.

 

25.

 

 - Poca carne e pocu risu.

 

26.

 

 - Pesce cottu e carne crûa (cruda).

 

27.

 

 - Magna pocu, magna bene e magna spissu.

 

28.

 

 - La 'nsalata pocu acitu e bene ojata.

 

29.

 

 - Carne de porcu né poca, né troppa.

 

30.

 

 - Chi se scallò campò, chi magnò muri. [crepò]

 

31.

 

 - Piede callu e testa fredda.

 

32.

 

 - Gnente fa bene pe' l'occhi e male pe' li denti.

Tosc.

 

 - Nulla fa bene agli occhi.

 

33.

 

 - Lo durmì fa 'ngrassà'.

Franc.

 

 - Qui dort dîne.

 

34.

 

 - Do' non entra lu sole, entra lu medicu.

Sic.

 

 - Casa 'senza suli, visitata da medicu e confessuri.

 

35.

 

 - Pijate aria e sole e n'avrete mai malore.

 

36.

 

 - È meju consumà le scarpe che le lenzola.

 

37.

 

 - Lu lettu è come 'na rosa, chi nun dorme s'ariposa.

 

38.

 

 - Scarpe lunghe ,e cappellu strittu.

 

39.

 

- Chi vò vive sanu e lestu magni pocu e ceni prestu.

Franc.

 

- Qui veut vivre sain, dine peu et soupe encore moins.

 

40.

 

 - Pranza prestu e cena a bon'ora.

<84>

 

 

41.

 

 - Chi vuol vedere il medicu da la finestra beva del vino dopo la minestra. (Città di Castello)

 

42.

 

 - 'Nte mette' in camminu se la bocca 'nte puzza de vinu.

 

43.

 

 - Aprile 'nte scuprì, maggiu vacce adagiu, giugnu 'n c'entigni (?) 'l grugnu.

 

44.

 

 - Un bon focu, un bon fiascu de vinu e tiri tramontana.

 

Pagina precedente                                       Pagina INDICE del volume                                           Pagina successiva

305


Associazione Pro Trevi - I-06039 TREVI (PG)
E-mail: protrevi@protrevi.com
© 1996-2017 by F. Spellani
Hosting: Explica s.r.l.
Aggiornamento: 22 aprile 2014.