Home - ProTrevi Appuntamenti Ricettività11 E-mail ProTrevi

Proverbi Umbri raccolti da Oreste Grifoni

22 - INCOMODI DELL'ETÀ - MALATTIE - RIMEDI (pagg. 79-81)

Pagina precedente                                       Pagina INDICE del volume                                           Pagina successiva

 

 

Nota: Tra parentesi acute < > è riportato il numero della pagina.

 

<79>

 1.

 

 - Dopo la cinquantina, un malannu 'gni matina.

Lat.

 

 - Multa senem circunveniunt incomoda.

 

2.

 

 - Lo male mancu ' alle bestie.

 

3.

 

 - La frêe (febbre) continua ammazza lu lione.

 

4.

 

 - Male alla pelle, salute alle budelle.

 

5.

 

 - Occhio lagrimusu non è piriculusu.

 

6.

 

 - Malattia lunga e morte sicura.

 Lat.

 

 - Longa valetudo, certissima mors.

Franc.

 

 - De longue maladie, fin de la vie.

 

7.

 

 - Se sta meju (il malato) de matina, ammazza la callina;

   se sta peggiu la sera, appiccia la cannela

 

8.

 

 Bracciu al collu e gamma a lettu.

Lat.

 

  - Brachium a pectore pendeat, crus in lecto jaceat.

Abruz.

 

  - Vracci a ppett, e ppied a llett.

 

9.

 

 - Un cocciu va pe' casa cent'anni.

 Le persone cagionevoli, se si hanno cura, si assicurano una vita lunga meglio che i sani.

Lat.

 

  - Qui semper aegrotant, diutissime vivent.

Abruz.

 

  - Va cchiù ttempe pe' la casa 'na pignatta rotte che 'na sane.

 

10.

 

 - Lo male entra a libbre e riscappa a once; - e

 - Lo male entra a carrate e riscappa a once.

<80>                 Lat.

 

 - Citius venit malum quam revertitur.

Spagn.

 

 - El mal entra a brazadas y sale a pulgaradas.

 

11.

 

 - Chi è malatu non pija carne.

 È in stato di immancabile deperimento.

12.

 

 - Lo male s'artrôa tuttu la notte.

 

13.

 

 - Lo male vole lu sfogu sia.

  Il male finché non ha fatto il suo sfogo, non ci lascia in pace.

 

14.

 

 - 'Na arcascata (ricaduta) è peggiu de la prima maladia.

 

15.

 

 - Quanno lu dolore gira, lu male è liggeru.

 

16.

 

 - Se la machina 'ns'ariposa, no' sta bene.

 

17.

 

 - Da lu medicu pietusu ve' la piaga puzzulusa.

Lat.

 

  - Saepe solet medici pietate putrescere vulnus.

Franc.

 

 - Main de médecin trop piteux rend le mal souvent chancreux.

 

18.

 

 - Li medici fô pijà' le medicine all'antri, ma loro non le pijano.

Ital.

 

 - Nessun buon medico piglia mai medicine.

 

19.

 

 - La tisia passa sette muri.

20.

 

 - Solu l'ossa rotte non s'arcoju'.

  Non hanno la potenzialità infettiva, tutta propria di alcuni malanni che si sviluppano nel nostro corpo.

 

21.

 

 - Li denti so 'n legume che se coce male.

   Si soffre nel metterli, si soffre nel perderli.

22.

 

 - Lu dolore de lu ditu arriva là lu core e non è crisu (creduto)

<81>

 

 

23.

 

 - La pollagra (podagra) è lo male de li signori.

 

24.

 

 - La polagra vêne a chi magna pollastri e picciuni.

 

25.

 

 - Male de polagra, male de lunga vita.

 

26.

 

 - Le malattie so' li debiti nascosti de le famije.

 

27.

 

 - Le malattie so' avvisi de Dio.

 

28.

 

 - Medicina non fa bene se non disturba.

 

29.

 

 - Finchè la bocca, pija e 'l corpo renne (rende) accidenti a le medicine e a chi le venne.

 

30.

 

 - La bona cura caccia 'l mortu da la sippurdura.

 

31.

 

 - Riposu e dieta 'gni male acqueta.

Lat.

 

 - Multi morbi quiete et abstinentia curantur.

 

32.

 

 - Olio de lume e lengua de cane' guariscu' d'ogni male; - e

 - Oliu de lume 'gni male cunsuma.

Oleum fovet ignem, nutrit carnem, lenit dolorem: lux, cibus, medicina.

(S. BERNARDO: Sermo 15 supra Cantica).

 

Pagina precedente                                       Pagina INDICE del volume                                           Pagina successiva

305


Associazione Pro Trevi - I-06039 TREVI (PG)
E-mail: protrevi@protrevi.com
© 1996-2017 by F. Spellani
Hosting: Explica s.r.l.
Aggiornamento: 22 aprile 2014.