Home - ProTrevi Appuntamenti Ricettività11 E-mail ProTrevi

Proverbi Umbri raccolti da Oreste Grifoni

12 -  MISERIE DELLA VITA - COSE LAMENTEVOLI  (pagg. 54 -58)

Pagina precedente                                      Pagina INDICE del volume                                            Pagina successiva

 

Nota: Tra parentesi acute < > riportato il numero della pagina.

 

 

1.

 

 - Su le spine o la vita o la pelle.

  I gravi dispiaceri si pagano o con la vita o con jatture minori.

 

2.

 

 - La catta compagnia ce porta a mala via.

Tosc.

 

 - Le cattive compagnie accompagnano l'uomo alla fossa.

 

3.

 

 - Li spinaci se cociu' co' l'acqua loro.

  Il peccato e sempre pena a se stesso.

  DANTE, parlando dell'invidia, diceva: "L'invidia, figlio mio, se stessa macera."

 

4.

 

 - L'occasione fa l'omu latru; - e

 - La troppa libert fa l'omu latru.

Franc.

 

 - L'occasion fait le larron,

 

5.

 

 - Semo tutti de carne e ossa.

  Vuol dire che si ha tutti tendenza, per natura, al peccato carnale.

6.

 

 - Li boni st su lu paradiso.

   Siamo tutti cattivi.

 

7.

 

 - A tribula' vne sempre a tiempu.

<55>

 

 

8.

 

 - L'ape, pe' lu troppu pizzica', perde la cera, la vita, lo mle.

Le persone che hanno l'abitudine di offendere con la lingua, pagano in pi modi il fio della loro cattiveria.

 

9.

 

 - 'N c'e peggiu che scurtica' la ca.

Abruz.

 

 - Lu cchiu brutt a scurtec la cove.

Franc.

 

 - Rien n'est plus difficile a corcher que la queue.

 

10.

 

 - Dio ce li vle de tutte le spece.

  Si suol dire di persone anormali, che sovente agiscono stranamente o miserevolmente come nessuno supporrebbe.

 

11.

 

 - 'Gni camicia ha la su cacca.

    Ciascuno ha le sue miserie.

12.

 

 - 'Nci sta un parmu de terra pulita.

   Non est qui faciat bonum, non est usque ad unum. (Salmo 13)

 

13.

 

 - Chi pulitu sporcu.

   Chi vanta troppo la sua onest, sovente n' privo.

 

14.

 

 - La lengua batte do' che 'l dente dle.

Franc.

 

 - La langue va, o la dent fait mal.

Spagn.

 

 - All la lengua, lo duele la muela.

 

15.

 

 - La paura fa salta' le mura.

 Pericula timidus etiam quae non sunt videt.   (PUBLIUS SYRUS)

 

16.

 

 - Cianghe mia, non vergogna de fuja' quann'abbisogna.

 

17.

 

 - Capilli e guai non mancano mai.

<56>

 

 

18.

 

 - Se l'oste ne coce pe' tutti ce n'.

  Tutti siamo soggetti alle sventure che Iddio pu mandare.

 

19.

 

 - Quannu l'arbiru casca a terra, tutti curru' a fa le lena.

Lat.

 

 - Cadente quercu, ligna quisquis colligit,

          ... ognuno corre a far legna

      dall'albero che a terra il vento getta.   ARIOSTO: (Orl. Fur.)

Franc.

 

 - Quand l'arbre est tomb, tout le monde court aux branches.

Spagn.

 

 - Del arbol cado todos hacen lea.

 

20.

 

 - La patella dice nirillu a lu callaru: - e

 - Lu boe chiama curnutu l'asinu; - e

 - Quillu che porta la vocca rossa (grossa) dice voccone (boccone) a quillu che la porta ciuca.

      L'uomo che ha dei vizi, spesso ne fa carico agli altri, quasi per parerne immune.

 

21.

 

 - Se li malanni se portassiru in piazza, ognuno arporteria a casa li sia.

 

22.

 

 - Se dici li tui malanni in piazza, chi se ne ride e chi se ne sollazza.

23.

 

 - Sbaja anche lu prete su l'ardare.

 Sbagliamo tutti: sbaglia perfino il sacerdote nei momenti sacri e solenni del divin sacrificio o della preghiera a Dio.

Tosc.

 

 - Sbaglia il prete all'altare, e il contadino all'aratro.

 

24.

 

 - Chi non p batte' l'asina, batte lu mmastu (basto).

<57>                Lat.

 

 - Qui asinum non potest, stratum caedit.

Franc.

 

 - Qui ne peut pas battre le cheval, bat la selle.

 

25.

 

 - Pi se ciarla e pi se sbaja.

Franc.

 

 - Grand parleur, grand menteur.

 

26.

 

 - Lo pane dell'antri ci sette croste e la pi dura la mullica.

 

27.

 

 - L'ora del minchione passa a tutti; - e

 - Una vorda se fa anche a nonnu.

 Anche le persone assennate e di esperienza rimangono talora vittime di qualche inganno.

28.

 

 - Non c' pesce senza spina: - e

 - Non c' rosa senza spina; - e

 - Non c' piacere che non c' dispiacere; - e

 - Nisciun bene senza pene.

Lat.

 

 - Urticae proxima saepe rosa est.

 - Nihil est ab omni parte beatum.

Franc.

 

 - Nul plaisir sans peine.

 

29.

 

 - Sempre peggiu v deretu; - e

 - Meju mortu; peju non mortu.

 

30.

 

 - 'Nse fa piacere senza scomidu.

 

31.

 

 - Lu munnu 'na camorra.

 

32.

 

 - Lu munnu 'na gabbia de matti.

 

33.

 

 - Lu munnu granne : chi ride e chi piagne.

 

34.

 

 - 'Nse sta mai un momento in pace.

   Militia est vita hominis super terram.          (GIOBBE : c. 7, a. 1)

<58>

 

 

35.

 

 - Beatu chi mortu.

  Sono tante le miserie del mondo che si preferisce talora la morte alla vita.

 

36.

 

 - Le disgrazie sto' sempre apparecchiate.

 

37.

 

- E peju 'na lengua catta ch'un capo de pienara: - e

 - 'Na mala lengua peggiu che la tigna.

 

38.

 

 - Le lengue e le stre 'nse pozzo' tene'.

 

39.

 

 - La m... pi se maneggia e pi puzza.

  Pi si ritornaa su certe turpitudini e pi se ne prova disgusto.

Lat.

 

- Stercus quo plus commovetur, tanto plus foetet.

 

40.

 

 - Uno fa male a centu.

 

41.

 

 - S. Pietro pe' n' ape n'ammazz centu; - e

 - Paga lu justu pel peccatore.

 

42.

 

- Quillu che non vedde mai camicia, cent'anni se ne fece meravija.

 

43.

 

 - Chi ci lo pane 'nci li denti; - e

 - Chi ci li denti 'nci lo pane; - e

 - Chi ci la farina 'nci lu saccu; - e

 - Chi ci lu saccu 'nci la farina.

 

44.

 

 - Chi sta sotto crepa.

 

45.

 

 - Anna' a letto e non dorm', aspetta' e non vin', sono pene da muri'.

 

 

 

Pagina precedente                                      Pagina INDICE del volume                                            Pagina successiva

205


Associazione Pro Trevi - I-06039 TREVI (PG)
E-mail: protrevi@protrevi.com
© 1996-2017 by F. Spellani
Hosting: Explica s.r.l.
Aggiornamento: 22 aprile 2014.