Home - ProTrevi Appuntamenti Ricettività11 E-mail ProTrevi

Proverbi Umbri raccolti da Oreste Grifoni

7 -  PRUDENZA - ACCORTEZZA - CONSIGLI - AMMAESTRAMENTI (pagg. 37-44)

Pagina precedente                                       Pagina INDICE del volume                                             Pagina successiva

 

Nota: Tra parentesi acute < > riportato il numero della pagina.

 

 

<37>

1.

 

 - Pi se chiacchiera, pi se sbaja.

Tosc.

 

 - Chi assai ciarla, spesso falla.

 

2.

 

 - Chi parla perde, chi tace vence.

Lat.

 

 - Silentium omnia bona continet, mala omnia loquacitas

 

3.

 

 - Porta chiusa fa buon vicinatu.

 

4.

 

 - Vecono piu quattr'occhi che dui.

Lat.

 

 - Plus vident oculi quam oculus.

Franc.

 

 - Quatre y eux voient plus que deux.

 

5.

 

 - L'occhiu de lu padrone 'ngrassa lu cavallu.

Franc.

 

 - L'oeil du matre engraisse le cheval.

Spagn.

 

 - El ojo del omo engorda el caballo.

 

6.

 

 - In mmocca chiusa 'n c'entra mosca.

Franc.

 

 - En bouche dose n'entre mouche.

Spagn.

 

 - En boca cerrada no entra mosca.

 

7.

 

 - Chi ben se guarda salvu se renne.

 

8.

 

 - Omu avvisatu e menzu sarvatu.

Franc.

 

 - Homme avert en vaut deux.

 

9.

 

  Tristu chi sente 'na campana sola.

Franc.

 

 - Qui n'antend qu'une cloche, n'entend qu'un son.

 

10.

 

 - Se non senti du' campane, fai pure lu surdu.

 

11.

 

 - Chi 'nse misura non dura.

 

12.

<38>

 

 - Lu passu va fattu secunno la gamma.

Lat.

 

 - Pes sic tendatur, ne lodix coltre praetereatur;

 -Vir prudens dirigit gressus suos.

Abruz.

 

 - Nen fa lu passe e chiu lunghe de la gamme.

 

13.

 

 - Prima de fa n' passu, bisogna guard do' se mette lu pe (piede).

 

14.

 

 - A cala' vne sempre a tempu.

   Nel vendere bisogna sostenere i prezzi, i quali,poi, si possono opportunamente ridurre.

15.

 

 - Lu pesce se pija quanno passa.

    Le buone occasioni vanno prese a tempo.

 

16.

 

 - Se dice lu peccatu e no lu peccatore.

 

17.

 

 - Quello che non tene la vocca tua, mancu quella dell' antri.

Lat.

 

 - Quod uni dixeris, omnibus dixeris. (TERTULL.: De Virg. 17)

 Il duca di La Rochefoucauld : Come pretendere che altri conservino i nostri segreti, se non siamo capaci di conservarli noi stessi?.

 

18.

 

 - Chi s'e scottatu co' lu focu se guarda anche da cenere fredda; - e

 - Cane scottatu dall'acqua calla, ha pra (paura) de quella fredda.

 

19.

 

 - La moje, lu fucile e lu cane 'nse 'mprestano a niciunu.

Franc.

 

 - Il ne faut pas praeter pe, ni son chien, ni sa femme.

20.

 

 - Centu misure e un taju.

   necessario considerar bene, prima di venire all'atto pratico.

<39>                                 Tosc.

 

 - Misura tre volte e taja una.

 

21.

 

 - Dell'omo non se ve mancu la camicia.

   Bisogna andar cauti nel giudicare o nello stringere amicizie.

 

22.

 

 - Quanno sona mezzanotte, chi 'n a casa pija le botte.

 

23.

 

 - Uccel che va de notte non fa bon nidu.

 

24.

 

 - Bisogna d' sempre: se Dio vle.

  Tutto subordinato alla volont divina.

 

25.

 

 - Fidete era un bon omu: Nontefida' era meju.

Franc.

 

 - Mefiance est mre de suret.

 

26.

 

 - 'Nte fida d'un trattu de grazia e de bont.

 

27.

 

 - De pochi fidete, ma de tutti guardate.

 

28.

 

 - Amicizia co' tutti, pratica co' niciunu.

 

29.

 

 - Li consiji dell antri pijali, ma li tia no' li lascia' mai.

 

30.

 

 - Chi non pija le parole (i buoni consigli) non fa bona fine.

 

31.

 

 - Bisogna prima pens', po' parl' (,fa').

Lat.

 

 - Deliberandum est diu, quod statuendum est semel.    (PUBLIO SIRO)

Franc.

 

 - Il faut tourner sa langue sept fois avant de parler.

 

32.

 

 - De quel che vi f' e d', pensa che p avvin' .

 

33.

 

 - Chi non ha quattrini, non abbia voje.

 

34.

 

 - Chi non sa non dica.

Tosc.

 

 - Molto sa chi non sa, se tacer sa.

 

35.

 

 - Chi fatti far vuole, non dica le parole.

<40>

   

36 .

 

 - Non d' bucie, che sarai scupertu, d'in cima te n'andrai in funnu a lu lettu.

   Ti screditerai e ti farai danno.

 

37 .

 

 - Aiuta lu poeta 'nnanzi Pasqua, che dopu Pasqua 'gni poeta abbusca.

 

38 .

 

 - Se le cose nse' vicu (vedono) 'nse pozzu' d'.

 

39 .

 

 - No' stuzzica' lu cane che dorme;  - e

 - Non tira' la cha a la vipara.

Lat.

 

 - Irritare canem noli dormire volentem.

Franc.

 

 - Ne reveillez pas le chien qui dort.

 

40 .

 

 - Pija l'ome pe li vizi sua (per il suo debole).

Lat.

 

 - Uti homo est, ita morem geras.    (TERENZIO)

 

41 .

 

 - Quello che sinti (senti), sinti ; quello che vi (vedi) vi;

 - Quello che vidi, vidi, quellu che 'n vidi, la met cridi.

 

42 .

 

 - Odi, vidi e taci, se vi vive' in pace.

 

43 .

 

 - Chi sta con l'antri, surdu cecu e mutu.

 

44 .

 

 - Va pe' la stre e lascia dine (dire).  

45 .

 

 - Va pe' la stre diretta se no un malanno t'aspetta; se la stre sdirajerai, lu malanno aspetterai.

 

46.

 

 - Vivi e lascia vive'.

47 .

 

<41>

 

 - La tigna (o l'ira) de la sera bisogna lascialla pe' la matina.

     Interit ira mora (OVIDIO: Ars Amandi)

      Sol occidat super iracundiam vestram    (S. Paolo: Lett. 4 ad Ef.)

 

48 .

 

 - Donna, maru e focu so' male cose: non le tocca' se non te vli pint'.

 

49 .

 

 - Chi ha tempu non aspetti tempu.

 

50 .

 

 - Se lascia lu focu ardente, se curre da la donna partoriente.

 

51 .

 

 - Chi ha pi prudenza l'adopri.

 

52 .

 

 - Fa' debitu e non pat', camperai piu d'un d.

 

53 .

 

 - 'Nte fid' de poviri arricchiti, n de ricchi im poveriti.

 

54 .

 

 - Se vi di' de me, guarda prima te e pu di' de me.

 

55 .

 

 - A chi nutre la serpe in senu je ne verr velenu.

 

56 .

 

 - Chi e 'mbriacu vaca a durm.

   Gli passano cos i calori e non commette pazzie.

 

57 .

 

 - Non mette' lu cortellu in manu a lu mattu.

 

58 .

 

 - L'avemmaria o a casa o pe' la via.

 

59 .

 

 - L'onore te cresca, la vergogna (il disonore) te manchi.

  Cos consigliano le mamme le loro figlie;

 

60 .

 

 - La na e meju sapella lu matino che la sera.

   un monito prudente per coloro che vogliono uscire di casa la sera, quando si e avuta la notizia, in confuso, di un brutto fatto di sangue avvenuto in paese.

61 .

 

 - Un lume de pi quanno si' (sei) viu e unu de menu quanno si' mortu.

<42>

 

  I beni della terra sono destinati. a giovarci pi in vita che in morte.

62.

 

  - Campa un giornu e campalu bene.

 ORAZIO diceva: Carpe diem.

 

63.

 

  - Pensa oggi pel dimani, se ben vivere vorrai.

   Bisogna esser previdenti.

 

64.

 

  - Magna a motu tua e vesti a motu d'antri.

 

65.

 

  - Mitti su lu callaru se la pigna bolle.

  di oscuro significato.

 

66.

 

  - Non te rallegrassi del mio dolu (sofferenza)
             che quanno il mio vecchiu, il tuo nu.

 

67.

 

  - Chi ha 'recchie intenna, chi ha quattrini spenna.

   Le orecchie devono essere aperte, per natura, ai suoni, e particolarmente alle cose buone; la borsa ai bisogni.

 

68.

 

  - Chi ha prescia (fretta) vaca adagiu.

Lat.

 

  - Festina lente.

 

69.

 

  - Furnu e mulinu non di' col tuo vicino.

 

70.

 

  - Alloggia quant'alloggia la callina, al primu cantu sua, bellu, cammina; - e

  - Appulla quant'appulla la callina; quanno canta lu gallu tu cammina.

 

71.

 

  - Chi natu in citt non vaca in villa.

 

72.

 

 

<43>

 

  - Magna co' l'oste, ma non gioca' co' l'oste.

 L'oste che serve la clientela, lascia spesso la mensa con vantaggio degli altri, ma e buon conoscitore del suo bisunto mazzo di carte e quindi sa vincere quelli che si provano con lui nel gioco.

 

73.

 

  - Paca l'oste e muta l'oste.

 Paga i debiti che hai con qualche rivenditore di merci, se ti trovi nella necessita di lasciarlo per passare convenientemente ad un altro.

 

74.

 

  - Se 'n pi tira a lu turdu, tira a lu fringuellu.

     Se non puoi conseguire il pi, consegui il meno.

 

75.

 

  - Chi ha bisugnu 'n abbia vergogna.

               .... a cui nel fondo

     dell'inopia casc, nuoce il pudore. (OMERO: Odissea, c. XVII)

     Pessimus pudor est paupertatis (T. Livio)

 

76.

 

  - Abbi del tuo e 'nte mancher mai gnente.

 Il mondo e egoista e non accorre agli altrui bisogni.

 

77.

Lat.

 

  - Se vi la virita, va' dalla purit (fanciulli).

  - Ex ore parvulorum veritas.

 

78.

 

  - Fattela coi buoni e faiece le spese, non va' co lu tristu che le faccia a tene.

Tosc.

 

 - Accompagnati con chi e meglio di te e fagli le spese.

Abruz.

 

 - Va 'nche cchi e rneije di te e ffaije le spese.

 

79.

 

  - Dimme chi so' e mai quel che so' statu.

 

80.

 

  - A omu che giura, cavallu che suda, donna piagnente non crede' 'n'accidente; - e

  - Sole de marzu, onne (onde) de mare e piantu de donna 'nte fidare.

 

81.

 

  - Abbusca (acquista) bona nomina e ruba quantu vi.

<44>                          Franc.

 

 - Acquiers bonne renome ett dors la grosse ma-tine.

 

82.

 

  - Tristu quell'ome che ci catta nomina.

   Anche facendo miracoli non sara mai creduto e stimato.

 

83

 

  - Chi ha polvere spari.

    Non si butti ad un'impresa colui che non ha i mezzi per sostenerla.

 

84

 

  - 'Nte fa' capu de compagnia, ch chi capu paga all'ostaria.

 

85.

 

  - Guida l'asinu do' vle lu padrone, se se scorteca e dannu sua.

 

86.

 

  - Male non fa e paura non ave'; - e

  - Fa' il tuo dovere e non tem.

Tosc.

 

 - Mal non far, paura non aver.

       Qui timet Dominum nihil trepida (ECCLESIASTICO: XXXIV)

Abruz.

 

 - Male non fa' e ppaure nen ave'.

 

87.

 

  - Fa quello che di, avvenga quello che po'.

 

88. 

 

  - Non fa' all'altri quello che non vurristi fosse fattu a te.

   Diliges proximum tuum sicut te ipsum.  (S. MARCO: XII)

 

89.

 

  - Fa' bene e scordete, fa' male e pensace.

 

90.

 

  - Se non poi fa' del bene, non fa' mancu del male.

 

91.

 

  - Vli (vuoi) sta bene un jorno? Pija moje.

  - Voli sta' bene un annu? Ammazza lu porcu.

  - Voli sta' bene sempre? Fatte priete.

 

Pagina precedente                                       Pagina INDICE del volume                                             Pagina successiva

205


Associazione Pro Trevi - I-06039 TREVI (PG)
E-mail: protrevi@protrevi.com
© 1996-2017 by F. Spellani
Hosting: Explica s.r.l.
Aggiornamento: 22 aprile 2014.