Home - ProTrevi Appuntamenti Ricettività11 E-mail ProTrevi

Proverbi Umbri raccolti da Oreste Grifoni

4 - MATRIMONIO - FAMIGLIA - EDUCAZIONE DELLA PROLE  (pagg. 20-29)

Pagina precedente                                      Pagina INDICE del volume                                              Pagina successiva

 

Nota: Tra parentesi acute < > riportato il numero della pagina.

 

 

1.

 

- A dieci anni bruciulusu, a vent'anni sposu.

Tosc.

 

- Quest'anno fignolosa, quest'altr'anno sposa.

 

2.

 

- Quannu l'ome ha misso i baffi ha bisugnu de mojera;

   non c'e modu ne maniera la mojera je ce v.

 

3.

 

- Maccaruni e parentatu va fattu e magnatu.

 

4.

 

- Ome ammojatu, ome appiagatu.

Abruz.

<21>

 

- Chi pija la moje se mette la croce sopr'a le spalle.

 

5.

 

- Chi pija moje li pija li guai,

   a governalla ce pensate poi:

   se cosa te chiede che non ciai

   corona te la mette de li bi.

 

6.

 

- A chi pija maritu, 'gni bene e finitu.

 

7.

 

- Pijatelu, pijatelu maritu,

    l'avrete da purga' quarche peccatu;

    l'avrete da magna' lu pan pintitu.

 

8.

 

- Quanno la vedovella s'armarita, la pinitenza anco' non l'ha finita.

 

9.

 

- Chi se sposa coi parenti, poca vita e assai tormenti.

 

10.

 

- megliu ann co lu tempu che co' lu ventu.

     meglio sposare un uomo anziano, fermo nelle sue idee, che un giovane volubile.

 

11.

 

- Chi ci la moje bella sempre canta, chi cia pochi quatrini sempre conta.

Abruz.

 

- Chi t la moje bella sempre canta; chi t pochi quattrini sempre conta.

 

12.

 

- La moglie pe' quanto sia bella, dopo tre mesi diventa sorella.

 

13.

 

- Beata quella porta, do' che passa la moje morta.

Lat.

 

- Fons irae mulier; sed habet duo tempora laeta

   cum venit in talamum, cum subit in tumulum.

 

14.

 

 

<22>

 

- Beatu quillu cuscinu do' che spiro 'L maritu.

    Questi due proverbi ricordano i versi di Ovidio:
    Imminet exitio vir coniugis, illa mariti.                       (Metam. L. I.)

15.

 

- Beatu quel port (portone) do' che c'esce lu maritu anco'.

 

16.

 

- Lu bon maritu fa armarita', lu cattiu fa vedov.

   Il ricordo del buon marito persuade la vedova a passare a nuove nozze, come il ricordo di quello cattivo l'induce a rimanere in stato di vedovanza.

17.

 

- La prima (moglie) scopa casa, la seconna rigina se chiama - e

- La prima la facchina,la seconna la rigina.

Tosc.

 

- La prima asinella, la seconda tortorella.

Port.

 

- La prima moglie una granata, la seconda una signora.

 

18.

 

 - Quanno la donna ve' (viene) sposata a forza. l'odiu sintir finu alla fossa.

Lat.

 

 Hostis est uxor invita quae ad virum nuptum datur. (PLAUTO: Stico)

 

19.

 

- Sposa bagnata, sposa furtunata.

  La pioggia del giorno nuziale e di buon augurio per la sposa.

 

20.

 

- La donna che vol'esse' ben mantinuta, piji lu vecchiu de barba canuta.

 

21.

 

 - Pe' pija maritu ce vole: lu rizzante (il sacco del grano), lu pennente (la pacca del lardo) e lu pisciante (la botte del vino).

 

22.

 

- Prima de mette' la fiocca (biocca) bisogna prepara' la conciatura. (Gualdo Cattaneo)

 Prima di passare alla vita matrimoniale e necessario assicurarsi i mezzi per ben sostenerla.

<23>

   

23.

 

- Donna non maritata, senza lengua e sette mane; maritata sette lingue e senza mane

Tosc.

 

 - Le donne quando son ragazze hanno sette mani ed una sola lingua, e quando son maritate, han sette lingue ed una mano sola

 

24.

 

 - Gis Cristu adocchia, adocchia, pu' li fa e pu' l'accoppia - e

 - Dio li fa e pu' l'accoppia.

Or si dicea che un tristo a un tristo e guida: Giove li forma, indi gli accoppia.

 (OMERO : Od. l. 17)

Lat.

 

 - Semper similem ducit Deus ad similem.

Tosc.

 

 - Dio fa gli sciocchi e loro s'accompagnano.

 

24.[sic]

 

 - Monica di Sant'Agostinu, du teste su 'n cuscinu;

 - Monica di San Pasquale, du teste su 'n guanciale;

 - Monica de San Silvestru, quattru cianghe ju pe' lu lettu.

 Per quelle baciapile che ostentano amore alla vita verginale e invece si struggono di prendere marito.

 

25.

 

 - Femmene e bi de paesi tuoi, se pi.

 

26.

 

 - A zitella ch'aspetta non manca richiesta.

Tosc.

 

 - Ragazza che dura non perde vintura.

27.

 

 - Ecco la sposa tutta pomposa quann'ha magnatu non e piu cosa.

Si riferisce al momentaneo, ma grave raccogli mento della sposa quando va al rito nuziale.

<24>

28.

 - Chi entra a casa della mojera, entra nel c.... della somiera; - e

 - Chi entra in casa entra in c....

     Lo sposo che va a stabilirsi in casa della sposa ordinariamente non vi gode quel dignitoso rispetto che gli converrebbe.

29.

 

 L'ome lu saccu, la moje la legaccia.

L'uomo nella famiglia ha il compito di procurare le cose necessarie, la donna di esserne gelosa custode.

Tosc.

 

 - Gli uomini fanno la roba e le donne la conservano.

Abruz.

 

- L'ome fa lu saccu, la femmena l'attacca.

 

30.

 

 - Fra moje e maritu non ficc lu ditu.

Franc.

 

 - Entre l'arbre et l'corce il ne faut pas mettre le doigt.

 

31.

 

 - Le btte de lu maritu so' la gloria (ovv. le nozze) de lu paradisu.

 

32.

 

 - Chi p'amore se pija, pe' rabbia se lassa.

Quando il movente del matrimonio sono state prevalentemente le bellezze del corpo e non quelle dello spirito, i coniugi non godranno lunga pace ,e, presto, forse, verranno alla separazione.

 

33.

 

 - Lu matrimoniu 'n e fattu pe' tutti : chi fa bellu, chi fa bruttu.

 

34.

 

 - La bona moje fa lu bon maritu.

Abruz.

 

 - 'Na bbone moje po' fa 'nu bbone maritu,

    ma nu bbone maritu nin po' fa 'na bbona moje.

 

35.

<25>

 

 - Chi col maritu v regna', piu bucie che virit.

 

36.

 

 - La casa ha poca pace se la gallina canta e il gallu tace.

Lat.

 

 - Mulier si primatum habeat, contraria est viro suo.(Ecclesiastico)

Franc.

 

 - Malheureuse maison et mchante, ou le coq se tait et poule chante.

 

37.

 

 - Da madre e fija, luntanu centu mija.

Abruz.

 

 - Addo sta 'na mamma e 'na fijia, scappa luntanu centu mija.

 

38.

 

 - Socera e nora ventu e gragnola; - e

 - Socera e nora non frno 'n pace 'n'ora.

 

39.

 

 - Matrigna: malannu e tigna.

 

40.

 

 - 'Na casa senza lu capo come 'n pajaru senza mallone (trave centrale).

 

41

 

 - Beata quella casa, d regna 'na chiereca rasa!

    Ma non beata la chierica rasa che sta in una casa.

 

42

 

 - Beatu quillu tittu che ci un vecchiu e 'na vecchia.

Tosc.

 

 - Beata la casa che ha dei vecchi!

 

43.

 

 - Beatu quillu tittu ch'arricovera un frate de San Franciscu!

 

44.

 

 - 'Gni tittu ci lu cuppu ruttu.

 

45.

 

 - Un padre e bonu a mantene' centu fiji; centu fiji 'n so' boni a mantene' un padre.

Spagn.

 

 - Un padre para cien hijos, y no cien hijos un padre.

 

46.

 

 - Lu matrimoniu senza fiji e come 'n arbiru senza frutti.

<26>

Lat.

 

 

 - Coniugium sine prole est quasi dies sine sole.

47.

 

 - La binidizione de lu padre, la malidizione de la madre.

Benedictio patris firmat domos tiliorum; maledictio autem matris eradicat fundamenta. (Ecclesiastico)

 

48.

 

 - Chi ha mamma nun piagne.

Nap.

 

 - Chi tene mamma nu chiagne.

 

49.

 

 - Vale piu una madre che centu amici.

 

50.

 

 - Chi te vo' piu be' de babbu e mamma o te figne (finge) o te 'nganna.

Tosc.

 

 - Chi mi fa pi di mamma si inganna.

 

51.

 

 - Babbu e mamma nun campano sempre.

un monito per i figlioli, i quali devono pensare per tempo al loro avvenire.

 

52.

 

 - Lu maritu, per cattiu che sia, se 'n apporta la sera, t'apporta la mattina.

 

53.

 

 - Vli arrimp' lu lettu? (avere molta prole) Sposete co' 'n ome vecchiu.

 

54.

 

 -Li fiji nun menano caristia.

spiegato dall'altro: - Dove c'e innocenza c'e provvidenza.

 

55.

 

 - Quanno la famija e piccola, casa trema; quann'e granne casa s'e scarcata.

 

56.

 

 

<27>

 

 - Chi cia figli in fascia, non dica, non faccia.

   Chi ha figli propri non parli dei difetti degli altri, perch non si parli dei propri.

 (C. PASQUALIGO: Proverbi)

 

57.

 

 - Chi ha fiji, ha guai, chi non l'ha non riposa mai.

 

58.

 

 - Fiji picculi, guai picculi. Fiji grossi, guai grossi.

 

59.

 

 - Li fiji l'aiuta santa Pupa.

l'Angelo Custode che vigila sui loro passi e li ritrae dai pericoli, a cui, sovente, incautamente si espongono.

 

60.

 

 - Molta famijia mena dispettu; Poca famija mena dilettu.

 

61.

 

 - Beata quella famija che ha pe' prima 'na fija.

 

62.

 

 - Un fiju pocu, due me ce spassu. tre, purittu me!

Abruz.

 

 - Tre e nin , quattre, la croc' fatte.

 

63.

 

 - Chi n'ha unu, 'n ha niciunu.

 

64.

 

 - 'Gni cioetta (madre) ama il suo cioettino (bambino).

 

65.

 

 - Bruttu in fasce e bello in piazza.

 

66.

 

 - Se li fiji sapissiru li denti, la madre ammazzarinu e li parenti.

    La dentizione e fastidiosissima per i bambini.

 

67.

 

 - Li fiji s'arsumijano a lu padre, le fije a la madre.

   Sicut mater ita et filia eius. (EZECH.)

 

68.

 

<28>

 

 - Sono li fiji de la bianca luna, de centu babbi e de 'na madre una.

     Si allude ai figli di donne di facili costumi.

 

69.

 

 - Li fiji boni so la consolazione dei genitori.

Lat.

 

 - Gaudet uterque parens, cum filius est bene parens.

 

70.

 

 - Chi cia 'n brancu de fije le marita, chi ce n' ha una sola la straripa.

Tosc.

 

 - Chi ne ha cento le alloga, Chi ne ha una sola l'affoga.

 

71.

 

 - A chi ci le fije da marita', non je manca n da di' n da fa'.

 

72.

 

 - Chi ci un porcu l'allea grassu, chi ci un fiju solu lo .fa mattu.

Tosc.

 

 - Chi ha un figliol solo lo fa matto, chi un porco lo fa grasso.

Abruz.

 

 - Chi te un porce l'alleve grasse chi te' n'a fije l'alleve pazze.

Franc.

 

 - Qui n'a qu'un fils, le fait fol; qui n'a qu'un pourceau, le fait gras.

 

73.

 

 - Li fiji so' come li fiuri.

  I fiori facilmente reclinano il capo o per mancanza di pioggia o di altro, e presto lo risollevano; e parimenti i figli con facilit cadono malati e con facilita risorgono.

 

74.

 

 - Li fiji so' come la cera, pijono la forma ch'uno je d.

Abruz.

 

 - Li citele so' gne la cera, quelle che imprime ce arresta.

 

75.

 

 - Fra li stracciarelli vengu su li fiji belli.

Abruz.

 

 - 'Ngli cinti e cinciarelli s'alleve li fiji bbilli.

 

76.

 

 - Batti culillu, quann' tinirillu, quann' pi duru, 'nse batte pi culu.

    Qui parcit virgae, odii filium; qui autem diligit illum, instanter erudii. 

(SAL. Proverbi)

<29>

77.

 

 

 - Chi batte culillu nun batte culone.

 

78.

 

 - Pianta ritta se fa piccola.

      Ha due sensi che sono ovvi.

Abruz.

 

 - La pianta s'a da pieca' quann'e piccola

 

79.

 

 - Allievu de botte (o de strada) non venne mai bonu.

 

80.

 

 - La prima scola e la casa.

 

81.

 

 - Li purgini (pulcini) v reto a la biocca (chioccia).

    I figli seguono gli esempi dei genitori.

82.

 

 - Li fiji e li pulli sporcono casa.

    I figli fanno innocentemente delle rivelazioni che non dovrebbero fare.

 

83.

 

 - Co li fiji, amore e timore.

 

84.

 

 - Li genitori so' la ruina de li fiji.

 

85.

 

 - Chi ama bene, castiga bene.

    Ego quos amo, arguo et castigo. (SAN GIOVANNI: Apocal.)

 

86.

 

 - La prima s'avvisa, la seconda se perdona, la terza se bastona.

 

 

Pagina precedente                                      Pagina INDICE del volume                                              Pagina successiva

205


Associazione Pro Trevi - I-06039 TREVI (PG)
E-mail: protrevi@protrevi.com
© 1996-2017 by F. Spellani
Hosting: Explica s.r.l.
Aggiornamento: 22 aprile 2014.