Home - ProTrevi Appuntamenti Ricettività11 E-mail ProTrevi

Proverbi Umbri raccolti da Oreste Grifoni

3 - DONNA - AMORE - BELLEZZA (pagg. 12-20)

 

Pagina precedente                                     Pagina INDICE del volume                                              Pagina successiva

 

Nota: Tra parentesi acute < > è riportato il numero della pagina.

 

 

 

1.

 

 - Omu che desse donna desse dannu;

 - la donna è lu malannu de lu munnu.

              Dux malorum femina (SENECA)

 

2.

 

 

 - A donna de pocu faje attenne' lu lume e lu focu; - e

 - Voi conosce una donna de pocu? Mittila accenne' lu lume e lu focu.

 

 

  Per comprendere questo proverbio bisogna, forse, portarsi con la mente a quei tempi, in cui il fuoco e la lucerna si accendevano con la pietra focaia. che facilmente doveva mettere a prova l'abilita e la pazienza degli accenditori.

 

3.

 

 - Do' scappa, un corpu entra un porcu.

  La donna che ha dato alla luce la sua creaturina, sente il bisogno di rifornite assai bene il suo stomaco.

 

<13>

4.

 

 

- La donna e lu focu vo' (vanno) stuzzicati 'gni pocu (ogni tanto)

 

5.

 

 - 'Na donna senza zinale, do' la trôi la pôi rubane.

Un'antica delibera del Municipio di Spello stabiliva che le donne di malaffare dovessero andare, per loro vergogna, senza grembiule.

 

6.

 

 - Né donna, né tela al lume di cannela.

       Forse è d'importazione toscana.

Lat.

 

     Fallaci minimum ne crede lucernae

 

7.

 - Quanno la donna non vole, mancu lu diaulu ce l'appole (può farla cadere).

8.

 

 - Do' so' donne so' risse.

               Fons irae mulier. (Hugo Grocius)

9.

 - Da donna che non fa fiji 'n'annà' né pe' dinari, né pe' consiji.

10.

 

 - 'Na donna bona arrizza (fa sorgere) la casa; 'na cattiva la scarca (la manda in rovina).

  Mulieres prudentes aedificant domus suas, sed stulta subvertit male factis

(SAL.: Proverbi)

11.

 

 - Donna onorata po' stà' drento 'n'armata.

  Mulier fotis cinxit fortitudine lumbos suos.      (PARAB. XXXI)

 

12.

 - Parole e baci non ficiru mai buci (buchi)

  Le parole di amore e i baci non apportano il supremo danno all'onore di una giovane

 

13.

  - Poche parole (d'amore) e callu pannu non ficiru mai dannu

<14>

14.

 

  - La femmena jotta manna a focu la casa come, la stoppa.

 

15.

 - La donna prena (pregna) de maggiu trema.

Abruz.

 - La femmena prene, sott'a lu manoppre (covone di biade) se jele (si gela).

 

16.

 - A donna prena gnente se nega.

 

17.

 - La donna de quarant'anni buttala a fiume co' tutti li panni.

 

18.

 - Una vita (vite) senza pianta 'gni piede la malanna (danneggia).

Una donna senza marito, e perciò senza valida protezione, e esposta alle offese di tutti.

Ted.

 -  Una donna senza marito e come una vite senza palo, un fiasco senza veste, ed un castello senza serratura.

 

19.

 -  La donna mese (mise) lu diaulu in un buttiju; - e

 - Ne sa più la donna quannu dorme, che lu diaulu  quannu veja.

Tosc.

 - La donna ne sa un punto più del diavolo.

 

20.

 -  Fa donna affaccennata lo pane e la bucata.

 

21.

 - Tre donne e 'n gattu, mercatu fattu; - e

 - 'Na donna e 'na pica, 'na fiera finita.       

Franc.

 - Deux femmes font un plaid; trois un grand caquet et quatre un plein marché.

 

22.

 -  Le femmene cio' sette fiati come li gatti.

Abruz.

 - La femmen'e ccome la hatte: tie sette spiride.

 

23.

 - La donna sumija a la castagna:de fore e bella e drento ha la macagna.

<15>

24.

 

 - Donna che preca la matina e sera, bona furtuna sempre te la mena.

 

25.

 - Femmena bona, malata e morta, femmena trista non ha mai fina.

 

26.

 - Donna co' la conocchia fortunati quilli che (a cui) tocca.

 

27.

 - Meju donna arpezzata che donna strappata.

 

28.

 - E meju donna arzata (con le vesti sollevate pel fango) che donna 'nzaccarata.

 

29.

 - Donna superba s'abbassa fino a terra.

   É destinata a subire brutte umiliazioni.

 

30.

 - Donna ch' in donu pija, ce casca ne l'artija (nella rete).

       Beneficium accipere, libertatem est vendere. (SYRUS)

 

31.

 - Donna, 'n te, vanta, finché alla fossa n'te vidi porta'.

32.

 -  Fujate, femmene, ch'ecco l'ommini.
Così si diceva una volta. Oggi, invece, dato il gran ribasso in cui si trova la moralità, anche presso il gentil sesso, si può dire: fujate, ommini, che ecco le femmene.

 

33.

 - Amore e tosse 'nse nasconne.

Franc.

  - L'amour, la toux et la fumée on ne peut pas tenir cachés.

 

34.

 - L'amore non e bellu, se 'n e scurrucciarellu.

Lat.

<16>

 - Amor fit ex ira jucundior.

 

35.

- Luntanu dall'occhi, luntanu dal core.
Il duca di La Rochefoucauld, in Massime morali, dice: «La lontananza attenua le piccole passioni e aumenta le grandi, come il vento spegne le lampade e ravviva gli incendi».

 

36.

 - La lontananza non attira amore, ma amare e star lontano e un gran dolore.

 

37.

 - L'amore e cecu e 'n sa quello che fa, quannu la bella lu vole lassa'.

Lat.

 

 - Omnis amans, amens.

Franc.

 - Tout amour est fou

 

38.

 

 - L'amore appassionato è cecu e non è natu.

              ... Amore appena nato

   gia vola grande e gia trionfa armato.  (TASSO: Gerus.)

 

39.

 - Chi cia 'na sola amante va penanno, chi ce n'ha due o tre gode lu munnu.

 

40.

 - Tutte le purge cio' la tosse.

Anche i piccoli fanno all'amore. Il tossire serve, in certi casi, per chiamare o avvertire l'innamorato.

 

41.

 - La gilusia porta pazzia.
   Urimur et caecum pectora vulnus habet.   (OVIDIO)

Tosc.

 - Affezione acceca natura.

 

42.

 - Al core 'n se comanna

 

43.

 - Chi de lu sordatu se 'nnamora, 'na botta de trommetta e addio signora.

<17>

44.

 

 - Chi ama tutti, n'ama niciunu.

Franc.

 - L'ami de tout le monde, n'est l'ami de personne.

 

45.

 - La gonnella arpezzatella fa la donna ricca e bella.

 

46.

 - Amor comincia co' suspiri e canti e po' finisce con amari pianti.

GUARINI, nel Pastor Fido, così ha detto dell'amore: « La radice e soave, il frutto e amaro ».

            ... Colpa d'amor

   che dolcemente nei princìpi applaude

   e tesse di nascosto inganno e fraude.       (ARIOSTO: Orl. Fur. C. 3)

Franc.

 - Après l'amour le repentir.

 

47.

 - 'N c'e sabitu senza sole,

    'n c'e donna senz'amore,

    'n c'e morsica senza baffi,

    'n c'e gatto che nun sgraffi.

 

48.

 - Gli ommini se 'nnamorano de li panni.

L'abbigliamento studiato della donna è gran parte dell'innamoramento dell'uomo. Quanti errori di meno si commetterebbero, se si riflettesse bene su questa grande verità !

Lat.

 - Pars minima est ipsa puella sui.   (OVIDIO: Rem. Amoris)

 

49.

 

 

 

 

<18>

 - Lu core delle donne è fatto a limoncillu:

     un piezzu a quistu e a quillu e 1' core se ne va.

Ne attendas fallaciae mulieris, favum enim distillans labia meretricis, et nitidius oleo guttur eius, novissima autem illius amara quasi absyntium et acuta quasi gladius biceps.

 (SAL.: Proverbi)

 

Lat.

 

 - Crede ratem ventis, animun ne crede puellis.

Scrive sull'acqua e sull'arena semina e in larghe reti vuole i venti accogliere chi fonda sue speranze in cuor di femmina.

 (SANNAZZARO)

 

50.

 

 - Le femmene tra loru 'n se piaciu'.

 

51.

 

 - Manu fredda e amore callu.

Franc.

 

 - Froides mains, choudes amours.

 

52.

 

 - Chi se 'nnamora delle frasche, je pija de fumo la minestra.

Chi, in età avanzata, s'innamora di una giovinetta è destinato ad avere delle amarezze.

 

53.

 

 - Scrulla 'l dereto come ch'una allocca (oca), perché cià trenta pauli de dota.

   La giovane addiviene spesso superba anche per una piccola dote che ha.

54.

 

 - Pel turchinu ce vole un bel visinu ;

 - al verde 'gni donna ce perde;

 - color caffè fa bellu chi non è.

 

55.

 

 - Sotto lu lume de la lucerna, 'gni donna brutta diventa bella.

 

56.

 

 - Chi nasce bella non nasce poerella - e

 - chi nasce bella nasce co' la dote.

Lat.

 

 - In virgine, forma est dotis dimidium.

Franc.

<19>

 

  - La beauté est borse.

 

57.

 

 - Ragazza co' li buchi su le gote se marita senza dote.

 

58.

 

 - Tira più un capillu de femmina che cento para de boi.

 La bellezza della donna, come dice il LEOPARDI, (in poesia per le nozze della sorella Paolina), è onnipotente.

59.

 

 - Vale piu donna co' la gintilezza che 'n ome brau co' la su' fortezza.

 

60.

 

 - Lo fume va reto (dietro) a le belle.

Franc.

 

  - Beauté et folie vont souvent en compagnie.

 

61.

 

 - Meju 'na murittina de campagna che centu biancoline de città.

 

62.

 

 - Occhi turchini co' le treccie bionne sono le meravije de lu munnu.

 

63.

 

 - Vale più la simpatia che la bellezza.

 

64.

 

 - Donna che ride, pera che stride.

   E di oscuro significato.

 

65.

 

 - La donna da maritu e menza matta; quann'ha prisu maritu e matta tutta.

 

66.

 

 - Donna capricciosa, cavallu sbrijatu.

 

67.

 

 - Ch'il bellu informa, de maggiu ritorna.

    Le bellezze di persona, che sia nata veramente bella, affiorano, in particolar modo, nel maggio.

 

68.

 

 - Grassezza fa bellezza.

 

69.

 

 - Chi cià lu neu e nun se ne avvee, cia la bellezza e nun se lo cree.

Tosc.

<20>

 

 - Un neo cresce bellezza.

70.

 - Non è bellu quel ch'è bellu,è bellu quel che piace.

    É un'esatta definizione del bello.

71.

 - Vesti un mmastone, te parerà 'n signore.

Tosc.

 - Vesti una fascina, la pare una regina.

Spagn.

 - Un palo compuesto no parerà palo.

72:

 - Ho gran fame, gran sunnu, gran sete,

   ma se veto la serva d' un prete,

  non ho fame, né sunnu, né sete.

         Umoristico.

 

Pagina precedente                                     Pagina INDICE del volume                                              Pagina successiva

205


Associazione Pro Trevi - I-06039 TREVI (PG)
E-mail: protrevi@protrevi.com
© 1996-2017 by F. Spellani
Hosting: Explica s.r.l.
Aggiornamento: 22 aprile 2014.