Home - ProTrevi Appuntamenti Ricettività11 E-mail ProTrevi

Proverbi Umbri raccolti da Oreste Grifoni

2 - VITA PRATICA - ESPERIENZA (pagg. 6-12)

 

Pagina precedente                                      Pagina INDICE del volume                                             Pagina successiva

 

Nota: Tra parentesi acute < > riportato il numero della pagina.

 

2.

 

  - Vita bra, vita bre.

 

3.

 

 - 'Na votte de vinu bonu e 'n ome brau (troppo ardimentoso) durano pocu.

 

4.

 

  - Lu munnu e fattu pe' li bri e li minchiuni se lu godu'.

 

5.

 

 - Lu munnu e sempre quillu.

 

6.

 

 - La roba pruffirita pijala e buttala ju pe' la via.

 

7.    - Chi preca spreca e chi disprezza compra.

8.

 

<7>

 

 - Pe' cacci de casa un mortu ce voju' quattro persone; - e

 - Pe' cacci unu vi ce ne voju' otto.

 

9.

 

 - A casa de ladri se ruba male; - e

 - A casa de sonatori se sona male.

 

10.

 - Li guai de la pigna li sa la cucchiara che li mistica.

Abruz.

 - La cucchiarelle sa li sicriti de la pignatelle.

 

11.

 

 - 'Gnunu sa lu cavallu sua come corre; - e

 - 'Gnunu sa come va lu cattu pe' casa.

 

12.

 

 - Chi mette troppa carne a lu focu, fatica troppu e conclute pocu.

    Senso proprio e figurato.

13.

 - Pe' conosce' 'na bona pezza ce vle un bon mercante - e

 - Lo piu conosce lo meno.

 

14.

 - Chi nun preme mancu acciacca.                   [do' (dove) non preme mancu acciacca]

    Non si raggiunge uno scopo non facendo uso dell'energia necessaria.

 

15.

 - La virita 'nse po' sempre di'.

Franc.

 - Toute verit n'est pas bonne a dire.

 

16.

 - Chi te vle bene te fa piagne'; Chi te vle male te fa ride'.

Spagn.

  - Quien bien te quiere te hara llorar.

 

17.

 - Chi 'n cia bona capoccia cia bone cianche.

Abruz.

 

 

<8>

 - Chi nin t' bbona capoccia, ha da tin bon pide.

    Si dice quando, uscendo di casa, ci accorgiamo di aver dimenticato una cosa, che poi siamo costretti di andare a prendere.

18.

 - La rta se non l' ugni non gira - e

 - Vocca unta non disse mai de no.

     Per avere dei favori bisogna fare dei doni.

     Munera, crede mihi capiunt hominesque deosque. (OVIDIO: Ars amandi)

 

19.

 - Se non ugni la patella, sintirai come strilla; - e

 - Se l'oju tu ce mitti, finirane de strillane.  Simile al precedente.

 

20.

 - A la pra se scortica l'asinu.

   Alla prova si conosce il valore di una persona.

 

21.

 - La prucessione do' scappa rientra.

    Le imprecazioni ricadono sul capo di chi le manda.

Tosc.

 - La bestemmia gira gira, torna addosso a chi la tira.

 

22.

 - Lasciafa' se fece ruba' la moje.

  Le persone troppo lente e tolleranti si ritroveranno spogliate anche di cose a loro assai care.

 

23.

 - Quanno comincia male, finisce peggiu.

 

24.

 - Se te donno (danno) un ditu, te pij tutta la mane.

    Facilmente abusiamo della bont di chi ci benefica.

 

25.

- Bonu pane, bonu vinu, bona jente non dura gniente.

 

26.

 - Le cose pe' forza non vinniru mai vene.

28.[sic]

<9>

 - Gente de poc'onore, locra lu lume e risparmia lu sole.

29.

 - Pe' 'mpara a conosce' n'ome bisogna magnacce  un rubbiu de sale.

Franc.

 - Pour connatre un homme il faut avoir mang un moid de sel avee lui.

 

30.

 - Tre cose   difficile lasciane: lu giocu, l'amicizia, 'l primu amore.
 

31.

 - Non ogni male passa pe' Nocera.

Tosc.

 - Ogni male non vien per nuocere.

 

32.

 - Scopa na, scopa bene.

   detto specialmente per le donne di servizio che, nei primi giorni del loro ufficio, si addimostrano molto attive.

 

33.

 - Do' e statu lu focu quarche vorta, un po' de cenere calla sempre ciarmane (ci rimane).

34.

 - A chiacchiera' semo tutti boni.

     Facili le parole e difficili i fatti.

 

35.

  - Le male ne arriano subitu.

 

36.

 - 'Nc sta 'n asinu solu pe' Roma.

Tosc.

 - E va piu d'un asino al mercato.

   Sono molti gli individui e le cose dello stesso valore.

Franc.

 - Il y a plus d' un ne a la foire, qui s'appelle Martin.

 

37.

  - Lo vne (bene) vne [viene] da lo vne.

Abruz.

 - Come da bbene, bene; cusc da male, male.

 

38.

 - A Dio e a li vicini 'nse nasconne gniente.

 

39.

 - L'erba cattia 'nse strica mai.

Franc.

<10>

 - Mauvaise herbe crit toujours.

40.

- Pe la strae s'accomita la soma.

   La piena sistemazione di un affare non avviene, spesso, subito, ma gradatamente.

 

41.

 - Consiju de vorpe, stricazione de calline.

Tosc.

 - Consiglio di volpi tribolo di galline.

 

42.

 - Chi parla per udita, s'aspetti la smintita.

 

43.

 

 - Salute e tiempu bonu non vengu' mai a noia.

 

44.

 

 - Lu pesce grossu se magna quillu piccolu ; - e
 - El luccio magna sempre la lasca  (Lago Trasimeno)

Franc.

 - Les gros poissons mangent les petits.

 

45.

 - Mortu un cane ne vne unu pi rossu (grosso).

46.

 - 'Gna rigina ha bisugnu de la vicina.

Abruz.

 - La riggin' avi bbesugnu de la vecine.

 

47.

 - Li carri sfasciati s quilli che f piu rumore.

Tosc.

 - La peggior ruota e quella che cigola.

Franc.

- La roue plus mauvaise du char fait tujours plus de bruit.

 

48.

 - Testamentu fattu e morte vicina.

  Ordinariamente si fa testamento quando, o per l'et o per condizioni di salute si ha il presentimento della morte vicina.

49.

 - Chi la notte 'n se po' addormenta', duluri e guai j tocca prova'.

 

50.

 - Quello che 'n succede in cent'anni, succede in un'ora.

Spagn.

<11>

 - Lo que non se hace en un ao, se ace en un rato.

51.

 - Piccione 'mmoccato se strozza.

   Chi si fa imbeccare, agisce poi facilmente con scorrettezza e si pregiudica.

 

52.

 - La 'llodola piace a tutti.

Lat.

 - Omnes mortales se laudari optant.

 

53.

 - Chi non arrisica non arrosica.

Franc.

 - Qui n'asard, n'a, rien.

 

54.

 - 'Gni simile ama 'l su' simile.

Lat.

Franc.

 - Parium eum paribus facilis congregatio est.

 - Qui se ressemble s'assemble.

 

55.

 - Cavallu biastimatu jariluce lu pilu.

 

56.

 - N a tortu n a dirittu 'n vurria esse malidittu.

    in contrasto col precedente.

 

57.

 - Unu ve l'antru.

   Tu vedi la mia miseria, io la tua.

 

58.

 - Lu nuiziatu bisogna pagallu tutti.

   All'inizio di ogni carriera si possono commettere degli errori.

 

59.

 - Chi cerca troa e chi cammina 'nciampa.

 

60.

 - Faccia dura e faccia tosta 'nc' niciunu che l'accosta.

 

61.

 

 - 'Gni cavallo bru finisce a la carretta.

    Chi fa troppo il bravo finisce con l'avere delle umiliazioni.

 

62.

 - Gnunu dee tir lu carrettone.
L'uomo, ordinariamente, prima di crearsi una posizione dignitosa, deve sottostare ad una condizione di vita laboriosa e poco soddisfacente

 

<12>

63.

 

 - Un giorno lu lupu e un giornu la pecora.

    Un giorno trionfa il prepotente, e un giorno chi ne vittima.

64.

 - Antro d' e antro fa'.

Franc.

 - Faire et dire sont deux.

Spagn.

 - Del dicho al hecho hai gran trecho.

 

65.

 - E meju un cappiellu in una casa, che cento fazzulitti.

 

Pagina precedente                                      Pagina INDICE del volume                                             Pagina successiva

205


Associazione Pro Trevi - I-06039 TREVI (PG)
E-mail: protrevi@protrevi.com
© 1996-2017 by F. Spellani
Hosting: Explica s.r.l.
Aggiornamento: 22 aprile 2014.