Home - ProTrevi Appuntamenti Ricettività11 E-mail ProTrevi

Da LA NAZIONE del 20/8/2005

Foligno-Spoleto

_______________________________________

LA SCOPERTA Spuntano nuovi tesori nella zona di Pietrarossa.* di Trevi
dove sono in corso i lavori per la realizzazione di un capannone

Dal terreno riaffiorano i resti di una necropoli

____________________________________________

Per il momento sono venute alla luce una decina di tombe

058 TRE VI - Nessuno si sbilancia ma le tombe e i reperti che continuano ad affiorare dagli scavi nella zona archeologica di Pietrarossa, potrebbero rivelare un'autentica necropoli. Gli scavi fin qui effettuati dagli esperti e dai tecnici della Soprintendenza dei Beni archeologici dell'Umbria (all'indomani della scoperta di ossa umane affiorate durante i lavori di scavo per la realizzazione di un capannone destinato ad ospitare i mezzi della locale Protezione civile) hanno portato alla luce una decina di tombe. forse di epoca romana o longobarda, che: da una prima sommaria identificazione potrebbero risalire al VI o VII secolo d.C. Sulla scoperta il Comune di Trevi e la Soprintendenza mantengono uno stretto riserbo, tanto che l'assessore alla cultura Valentino Brizi, nel confermare il ritrovamento di una decina di tombe, si è limitato a dire che: «si tratta di reperti che devono essere accuratamente esaminati e salvaguardati sul cui reale valore sono in corso i necessari accertamenti». Un riserbo fin troppo stretto, quello degli addetti ai lavori e delle istituzioni, anche perché l'area, notoria mente di interesse archeologico, potrebbe diventare un'occasione di promozione per il territorio. Tanto più che, come si diceva, non è un mistero che l'area archeologica di Pietrarossa possa ancora svelare vestigia: é conosciuta e figura in tutte le guide turistiche, regionali e nazionali. Un'area che, in passato, ha portato alla luce, altri «gioielli», in particolare nel 1980 quando, in occasione della realizzazione del sottopasso ferroviario della Roma-Ancona, affiorarono diverse casse di reperti. Sicuramente se anche quei reperti fossero sistemati nei musei locali potrebbero arricchire l'offerta turistica e il grande patrimonio archeologico che conserva la città di Trevi. Un ritrovamento, quelle delle dieci tombe, oggetto di una interpellanza che il consigliere comunale dell'Udc Luigi Andreani presenterà al sindaco di Trevi, per chiedere l'allargamento dell'area archeologica di Pietrarossa.

Carlo Luccioni

          

Ritorna alla pagina indice  Ritorna a STAMPA - RECENSIONI   PIETRAROSSA - Notizie

Associazione Pro Trevi - I-06039 TREVI (PG)
E-mail: protrevi@protrevi.com
© 1996-2017 by F. Spellani
Hosting: Explica s.r.l.
Aggiornamento: 15 aprile 2016.
 
.*Nella cartografia del TCI, dell'ACI e nella segnaletica stradale è indicato S.M.di Pietrarossa, mentre nella tavoletta dell'I.G.M., che dovrebbe essere ufficiale, è adottata la grafia: Pietra Rossa.