Home - ProTrevi Appuntamenti Ricettività11 E-mail ProTrevi
 
 

La chiesa monumentale della Madonna delle Lagrime

XVIII     I MONUMENTI SEPOLCRALI

7�). MONUMENTO DI SUBREZIA LUCARINI VALENTI.

 

 

(Tommaso Valenti, La chiesa monumentale della Madonna delle Lagrime, Roma, Descl�e, 1928 - pagg. da 267 a 269)

[ I numeri in grassetto  tra parentesi acute <  > indicano le pagine del volume originale. Le parole divise a fine pagina sono trascritte interamente nella pagina in cui iniziano]

 

 

sezione precedente                                Pagina INDICE del volume                                      sezione successiva

 


<267>

 

Presso al grave e solenne monumento dell' inesorabile persecutore dei delinquenti e spietato sterminatore dei briganti, l'animo e l'occhio del visitatore si affisano con desiderata dolcezza sul piccolo, ma elegante monumento, (m. 2,90 X 5,50 comprese le pitture) che ricorda una gentildonna mite e virtuosa (N. 18 della pianta e Fig. 51).

Alla memoria di Subrezia Lucarini, il marito Fausto Valenti volle con affettuoso rimpianto, dedicata questa gentile opera d'arte, che � � per dir cos� � il pi� �umano� tra tutti monumenti funebri di questa Chiesa,.

Chi entra in essa non pu� a meno di soffermarsi dinanzi a, questa effigie di donna, che nel volto semplice e sorridente porta impresse la bont� e la mitezza dell'animo. E chi lo guarda si persuade che veramente sincero dovette essere lo sposo desolato, quando sulla tomba della sua diletta faceva incidere queste toccanti parole:

 

MEMORIAE CONIUGALI
SUBRETIAE LUCARINAE UXSORI KARISSIMAE ET
FRUGI FAUSTUS VALENS BENEDICTI F. POSUIT
DE QUA DOLUITI NIHIL NISI MORS EIUS. VIXIT AN.
XXXII. MENS. IV. D. VI. OBIIT XVII. KAL. SEPTEM. MDLXII (1).

 

Da lei, il marito non ebbe altro dolore che quello di vederla morire. L'idea e le parole sono antiche. Il coniuge rimasto solo e dolente non sa trovare frase pi� efficace. Nelle iscrizioni funerarie

________________________

(1) Alla memoria coniugale � A Subrezia Lucarini, moglie carissima e buona, Fausto Valenti, figlio di Benedetto, pose � Di lei nulla gli dispiacque se non la morte � Visse ,32 anni, 4 mesi, 6 giorni � Mor� il 19 Agosto 1562.


<268>

romane � sia pagane, che cristiane � era tanto comune questa espressione di supremo dolore e di accorato rimpianto, che alle volte, era espressa anche con alcune iniziali cos�:

 

DE. QUA. N. D. A. N. MOR.

(de qua nullum dolorem accepit nisi mortis).

 

E in alcune troviamo le precise parole della iscrizione di questo monumento:

 

DE QUA DOLUIT NIHIL NISI MORS EIUS (1)

 

Questa parrebbe una frase retorica: ma non lo �; � piuttosto un grido del cuore. Prova ne sia che la frase sopravvisse nei secoli; sicch� anche ora la vediamo ripetuta in epigrafi funebri.

 

* * *

Il monumento in pietra dell'appennino, � sobrio ma elegante e di una semplicit� che attrae. Sullo zoccolo � collocata l'iscrizione; sopra di questa, tra due coppie di lesene, � in ovale il semibusto della defunta, scolpito in finissimo marmo bianco, al quale il tempo ha conferito una patina come d'avorio (Fig. 52). La testa, ben modellata, � ricoperta da un manto di cui le pieghe, nella loro semplicit�, sono trattate con maestr�a, a decorazione e complemento della figura, nella quale l'espressione dolcissima colpisce profondamente.

Sopra l'ovale, una conchiglia, modellata ed eseguita con toscana eleganza. Il piccolo monumento si chiude con una cimasa arcuata. Sopra di essa lo stemma, risultante dall'unione delle armi Valenti e Lucarini congiunte nello scudo partito.

Notevole il fatto che il gentile ricordo funebre � collocato a cos� poca altezza da terra, che il visitatore viene quasi a trovarsi faccia a faccia con la immagine della defunta. Circostanza questa che richiama ancora di pi� l'attenzione sulla pregevole opera d'arte.

A questo, come agli altri monumenti vicini, si volle � e mi permetto di non approvarne n� l'idea, n� l'esecuzione � accrescere solennit� ed importanza contornandolo di pitture barocche. Due Sibille fiancheggiano l'edicola ed altre due sono al di sopra di questa, al riparo di un panneggio sorretto da putti. Una figura del Redentore,

________________________

(1) Fabretti R. Inscriptionnon antiquarum etc. - Roma, Ercoli, 1699, pag. 275.


<269>
con altri tre putti, � in cima alla farraginosa pittura, che si pu� senza timore di sbagliare � anche per la poca importanza artistica � attribuire ad uno dei gi� nominati Angelucci. E non mi sembra improbabile che la pittura sia di parecchi anni posteriore alla esecuzione del monumento.

Della gentildonna qui sepolta non abbiamo notizie particolari. Sappiamo soltanto che era figlia di Prospero Lucarini e di Ersilia N. N. Morto il padre, la madre si fece monaca. La Subrezia ebbe due sorelle: Lorenza che fu moglie di Monte Valenti e Lucrezia che spos� un Petrelli di Trevi. Appartenne alla benemerita famiglia dei Lucarini, che diede alla patria uomini illustri e benefici; tanto che fiorisce ancora in Trevi un collegio di giovani fondato da un Virgilio Lucarini.

 

 

sezione precedente                                Pagina INDICE del volume                                      sezione successiva

 

(Tommaso Valenti, La chiesa monumentale della Madonna delle Lagrime, Roma, Descl�e, 1928� pagg. da 253 a 254)

 

 Ritorna alla pagina indice                Ritorna alla pagina Chiesa delle Lacrime

088



Associazione Pro Trevi - I-06039 TREVI (PG)
E-mail: protrevi@protrevi.com
© 1996-2017 by F. Spellani
Hosting: Explica s.r.l.
Aggiornamento: 15 aprile 2016.